Rompe una teca e ruba delle statuine ma viene "pizzicato" dalla polizia: arrestato

martedì 19 marzo 2019

Nei guai un 32enne trovato in giro con alcune statuine in terracotta appena rubate da un negozio.

Aveva appena rubato delle statuine in terracotta da un esercizio commerciale di Lecce, occultandole nel giubbotto, quando è stato notato e fermato dalla polizia: finisce nei guai un 32enne, “pizzicato” nella nottata, attorno alle 02.15, durante un controllo dagli agenti di una volante, in via Libertini all’angolo con Piazzetta del Duca D’Atene.

L’uomo, alla vista della polizia, si girava di spalle e con le braccia strette al corpo cercava di nascondere qualcosa all’interno del giubbotto: così gli agenti decidevano di scendere dalla vettura e di fermare il 32enne, per una verifica e l’identificazione. Gli venivano trovate addosso delle statuine in terracotta che dichiarava di aver trovato per strada: gli agenti andavano a controllare un negozio distante circa 3 metri che vende proprio oggetti in terracotta, constatando che la vetrina fosse stata infranta.

Si procedeva, quindi, alla perquisizione personale dell’uomo, rinvenendo all’interno del giubotto altre statuine. In tutto, le statuine in suo possesso, erano sei; inoltre sull’uomo erano ancora visibili, sulla mano destra, i segni dei tagli, presumibilmente causati dalla rottura del vetro. 

Giungeva sul posto, dopo pochi minuti, la titolare del negozio, la quale riconosceva le statuine trovate a terra e all’interno del giubbotto del giovane fermato, come quelle esposte nella sua vetrina. Considerata la flagranza nel reato il fermato finiva ai domiciliari. 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
16/06/2019
E' accaduto ieri pomeriggio sulla strada che conduce da ...
Cronaca
16/06/2019
Il giovane dovrà rispondere di detenzione ...
Cronaca
16/06/2019
L'episodio è avvenuto a Castromediano: la giovane ...
Cronaca
15/06/2019
L’insegnante è stata ripresa dalle telecamere ...
  Siamo andati nell’Ospedale “Sacro Cuore di Gesù”, a Gallipoli, per conoscere i tre ...
clicca qui