Xylella, Coldiretti davanti alla sede leccese dell'assessorato all'Agricoltura: "Di Gioia dimettiti"

venerdì 15 marzo 2019
Nuova mobilutazione di frantoiani e olivicoltori per chiedere interventi veloci e concreti. 

Trattori, motoseghe e pale meccaniche e una montagna di legna degli ulivi contagiati: anche oggi olivicoltori, frantoiani e vivaisti sono in strada a Lecce per chiedere interventi veloci e decisi sull'emergenza Xylella. La manifestazione di Coldiretti alla quale sta prendendo parte anche il presidente regionale Savino Muraglia, è in corso dalle prime ore della mattina davanti all’ufficio provinciale di Lecce dell’Assessorato regionale all’Agricoltura. 

La protesta è "contro la gestione inconcludente dell’emergenza Xylella che ha devastato milioni di ulivi in Salento e contro l’Assessore regionale Di Gioia che ha convocato un incontro stamani alle 10,3
0".
“Assessore Di Gioia giù le mani dall’agricoltura del Salento: Dimettiti”, “Fermiamo la Xylella E' 
#disastrocolposo”, “Burocrazia fa più danni della Xylella”, “Più scienza e meno stregoni”, “Assessorato agricoltura chiuso per conferenza stampa”, sono solo alcuni degli slogan che si leggono su striscioni e cartelli della protesta con i manifestanti che denunciano i ritardi inaccettabili della burocrazia regionale e chiedono interventi decisi per espiantare, reimpiantare e far rinascere le aree colpite, dopo anni di annunci, promesse, rimpalli di responsabilità e decreti senza impegni concreti per la ricostituzione del patrimonio olivicolo distrutto mentre gli agricoltori non sanno come comportarsi per realizzare nuovi impianti resistenti e tornare a lavorare e produrre.
Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
19/03/2019
Il progetto messo a punto dal Dipartimento di Ingegneria ...
Economia e lavoro
17/03/2019
"E’ una finta primavera con produzioni a forte ...
Economia e lavoro
16/03/2019
Le sigle sindacali di categoria protestano per le ...
Economia e lavoro
12/03/2019
Secondo il sindacato, l’azienda risparmierebbe 2 ...
Un adulto su 4 non svolge attività fisica: la sedentarietà ci espone a varie patologie e ci fa vivere di ...
clicca qui