La cantina Conti Zecca guarda al futuro: dal giovane Clemente Zecca al Moscato Agapò

giovedì 14 marzo 2019

Un party conviviale, quello di lunedì scorso, in un’atmosfera fatta di sorrisi e brindisi in cui i vini, con le loro etichette color pastello e il Salento racchiuso nel gusto, sono state le vere star.

La cantina Conti Zecca ha ospitato, lunedì scorso, presso Torre del Parco a Lecce, amici, collaboratori, giornalisti e clienti per presentare i progetti in corso. Innanzitutto, il restyling del packaging dei Vini del Territorio (Liranu, Rifugio, Venus, Calavento e Mendola), che racchiudono l’essenza del Salento nel contenuto e nella veste grafica. Il rinnovamento grafico, progetto realizzato dall’agenzia CaroselloLab di Milano, si è ispirato alla cura della cantina per il dettaglio, il suo rispetto delle tradizioni pur facendo scelte innovative. Questo ha portato alla luce una linea di bottiglie moderne ed al tempo stesso timeless.

L’obiettivo principale era raccontare il particolare territorio di provenienza di ogni vino, per conquistare contemporaneamente sia un pubblico esperto che uno più giovane. A supporto di questo è stata realizzata anche una mappa illustrata dei vigneti in cui vengono coltivate le uve destinate alla produzione dei Vini del Territorio e dei Vini Icona (Nero, Terra, Luna e Rodinò). La mappa, realizzata dall’illustratrice Alessandra De Cristofaro (che vanta collaborazioni con Vanity Fair e il New York Times) con il supporto grafico di Andrea Episcopo dell’agenzia salentina Rumorsweb, rende più accessibile l’approccio al vino e rappresenta un nuovo modo di comunicarlo, sottolineando il lavoro di zonazione della cantina.

Questo nuovo approccio rispecchia in pieno la filosofia aziendale di Clemente Zecca, il giovane rappresentante della famiglia che da pochi mesi è alla guida dell’azienda affiancando il padre e gli zii. Clemente ha intrapreso con entusiasmo e professionalità il percorso tracciato dalla famiglia, continuando innanzitutto il lavoro di precisione e di agricoltura sostenibile realizzato in campagna, su cui si è avviato anche un processo di conversione biologica riguardante alcuni ettari.

La serata dell’11 marzo ha dato modo di vedere e toccare con mano questi progetti in un clima conviviale, degustando i vini abbinati al raffinato menù di Torre del Parco, splendida dimora storica nel cuore di Lecce. Per l’occasione è stato fatto degustare in anteprima il nuovo nato in casa Zecca, che sarà presentato al prossimo Vinitaly: il Moscato Agapò, un’altra sfida ‘bianchista’ intrapresa dall’azienda, che testimonia che oltre i rossi le cantine pugliesi possono eccellere anche nella produzione di vini bianchi.

L’intrattenimento musicale è stato affidato a Maurizio Macrì, uno dei dj più amati del Salento che si divide tra le discoteche più glamour d’Italia e che ha fatto dell’eleganza e dell’attenta ricerca del suono il marchio di fabbrica del suo stile. Dopo i saluti aziendali di Clemente Zecca, c’è stata una simpatica ‘incursione’ degli attori comici Beppe Fusillo (della compagnia Gli Altri) e Stefania Semeraro (del duo LeLeste) che hanno divertito il pubblico con sketch e parodie tutto completamente improvvisato.

Altri articoli di "Redazionali"
Redazionali
22/05/2019
Emilio Colaci: “Con Daria Vernaleone ora si può!”. Una campagna ...
Redazionali
21/05/2019
Nuovo incontro alla Biblioteca di cortile e di campagna, ...
Redazionali
20/05/2019
Giovedì 23 maggio alle 14.30 a Casarano, Politecnico del Made in Italy e Agenzia ...
Redazionali
19/05/2019
 L’Associazione Nazionale Italia Pakistan apre ...
L’incontinenza urinaria femminile è un problema che non dev’essere mai sottovalutato: ci sono ...
clicca qui