Precari Asl, contratti in scadenza per 250 lavoratori: domani sit-in di protesta

domenica 10 marzo 2019

Il 31 marzo scadranno i contratti di 250 tra infermieri, Oss e tecnici di radiologia e laboratorio. Fp Cgil Lecce: “A rischio i livelli essenziali di assistenza”. Lunedì, sit-in di protesta davanti alla sede della Direzione Generale.

Sit-in di protesta per ottenere risposte dalla Asl di Lecce sui precari. Domani, alle ore 11, davanti alla sede della Direzione generale (Lecce, via Miglietta), la Fp Cgil Lecce ha organizzato un presidio. La scadenza del 31 marzo è ormai prossima. Alla fine del mese infatti scadranno i contratti del personale precario, ossia di una parte consistente di lavoratori che garantiscono i servizi Lea (Livelli essenziali di assistenza). Complessivamente sono interessati circa 250 lavoratori tra Operatori socio-sanitari (Oss), infermieri, infermieri pediatri, tecnici di radiologia e laboratorio, autisti.

Il segretario provinciale della Fp-Cgil, Floriano Polimeno, evidenzia il rischio per la salute dei cittadini: “Se non sopraggiungerà in tempo una proroga, tutto il personale dovrebbe fruire delle ferie residue, proprio in questa fase di forte epidemiologia influenzale. Un’evenienza che metterebbe a rischio anche i livelli minimi di assistenza. È quindi urgente disporre la proroga di tutti i contratti con scadenza al 31 marzo, fino al 31 dicembre”. La decisione di prorogare questo personale è stata infatti demandata dal Dipartimento Regionale Promozione della Salute e del Benessere alle Asl.

 

 

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
22/03/2019
Il tavolo ministeriale sio è tenuto nel pomeriggio di mercoledì a ...
Economia e lavoro
22/03/2019
Al tavolo sono stati invitati sindaci e associazioni di ...
Economia e lavoro
22/03/2019
Le rilevazioni riguardano tutte le provincie pugliesi che ...
Economia e lavoro
20/03/2019
L'incontro si terrà a Lecce lunedì prossimo ...
Oggi parliamo  tecnica di plastica dell’ernia inguinale in laparoscopia  (TAPP - trans abdominal ...
clicca qui