Liverani, missione compiuta: "Partita perfetta con un Foggia attendista"

domenica 10 marzo 2019

Plausi del tecnico a Petriccione e La Mantia: "Il mediano se ci mette continuità è devastante, la punta sta raccogliendo i frutti del suo gran lavoro".

Sorridente e contento, Fabio Liverani ha analizzato la vittoria della sua squadra nel post Lecce-Foggia, match vinto con gran merito da parte della sua squadra.

Il tecnico romano ha sottolineato che i suoi ragazzi hanno fatto quanto lui gli ha chiesto, soprattutto nella ripresa: “E’ stata la partita che ci aspettavamo, con il Foggia a cercare di non farci giocare per poi prodursi in qualche ripartenza. La missione è stata compiuta alla grande, perché abbiamo vinto, giocando bene e senza subire reti. Abbiamo fatto quello che dovevamo fare, girando benissimo il pallone e chiudendo sulle loro velleità offensive. Sicuramente nella ripresa, rispetto al primo tempo, abbiamo accelerato, capovolgendo più spesso il fronte d’attacco da destra a sinistra e producendoci in un gioco un po’ più fluido. Hanno ascoltato quanto ho detto negli spogliatoi”.

Complimenti particolari il tecnico li ha riservati all’autore dell’assist e a quello del gol vittoria: “Petriccione ha una grande qualità, lo sappiamo tutti, che talvolta non riesce a esprimere pienamente soprattutto per mancanza di continuità. Oggi non è stato così e lo si è visto nella palla d’oro che ha servito per il gol di La Mantia. Il nostro attaccante centrale è diventato un atleta, unendo grande fisicità ed atleticità alle qualità che già aveva. La forma in cui si trova è il frutto del grandissimo lavoro in cui si sta producendo”.

Fonte: Salentosport.net 

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
20/05/2019
Il presidente del Lecce ha risposto ai microfoni di Radio 1.   De Rossi a ...
Calcio
17/05/2019
Parla anche il tecnico Liverani: “Per noi ...
Calcio
14/05/2019
La promozione del Lecce in Serie A diventa argomento del ...
Calcio
13/05/2019
È arrivata in queste ore la condanna per illecito ...
Oggi, grazie all’intervento del dottor Alessandro D’Amelio, parliamo di un esame che che qualcuno ...
clicca qui