Tutto pronto per la giornata mondiale del rene: screening gratuito

giovedì 7 marzo 2019
Il 14 marzo, presso la Nefrologia e Dialisi dell’Ospedale “Sacro Cuore di Gesù” di Gallipoli, tutti potranno incontrare gli specialisti e fare un esame gratuito. Con il dottor D’Amelio, responsabile Unità operativa Nefrologia di Gallipoli, vi spieghiamo perché è necessario fare gli screening.

Le malattie renali sono in continuo incremento in quanto aumenta la vita media della popolazione, aumentano le malattie cardiovascolari, aumentano i pazienti diabetici. Abbiamo intervistato più volte il responsabile dell’Unità Operativa di Nefrologia e Dialosi dell’Ospedale di Gallipoli, il dottor Alessandro D’Amelio, ma oggi ci concentriamo sulla prevenzione, perché tra 7 giorni, il 14 marzo, si terrà un importantissimo evento di prevenzione e screening gratuito. “Molte persone si ritrovano a dover far ricorso al rene artificiale (ovvero la dialisi) senza avere neanche il tempo di capire le cause in quanto il danno viene scoperto casualmente, tardivamente, e la progressione della malattia renale verso gli stadi terminali è inesorabile e rapida - spiega il nefrologo - 

I pazienti in trattamento emodialitico sostitutivo aumentano in maniera sensibile annualmente con costi della terapia che tra poco non potranno più essere sopportati dal nostro Sistema Sanitario Nazionale. Per le ragioni già esposte laprevenzione mirata nell’identificare precocemente una patologia renale e curarla soprattutto in soggetti perfettamente asintomatici oppure a rischio per familiarità riveste una grandissima importanza”. 

La giornata della prevenzione,  ogni anno a metà marzo anche nel Salento

A partire dal 2006 ogni anno, il secondo giovedì del mese di marzo, viene celebrata in tutto il mondo la “Giornata Mondiale del Rene” con varie iniziative di sensibilizzazione presenti su giornali, televisioni, ospedali, piazze, internet e tutti i canali di comunicazione esistenti. Quest’anno la data stabilita è il 14 marzo ed il tema sarà “Prevenzione per tutti e ovunque”.

Anche la U.O. Nefrologia e Dialisi del PO “Sacro Cuore di Gesù” di Gallipoli,per la prima volta in assoluto, parteciperà a questa iniziativa rivolta alla prevenzione delle malattie renali nella popolazione locale.

In particolare verrà attivata gratuitamente per l’intera mattinata (h 8-13) del 14 marzo una doppia postazione ambulatoriale (con medico ed infermiere) sita presso la zona ambulatorio dove poter effettuare una compilazione dati del paziente, una valutazione della pressione arteriosa e la raccolta sul posto di un campione di urine tramite la distribuzione di idonei contenitori.

Grazie alla collaborazione e disponibilità del Laboratorio Analisi dell’ospedale si procederà all’esame immediato dei campioni urinari con consegna del referto vistato dal nefrologo.

Tale screening iniziale permetterà di identificare pazienti a rischio e/o affetti da iniziali problematiche nefrologiche da avviare successivamente ad indagini di secondo livello (ecografia apparato urinario, visita specialistica nefrologica, ecc.).

A ogni paziente verrà inoltre consegnato l’opuscolo informativo della Fondazione Italiana del Rene “Conoscere i Reni” con utili indicazioni e consigli.

Un’equipe pronta ad affrontare le problematiche dei reni

“Riteniamo che la giornata possa costituire un importante momento per il nostro Presidio Ospedaliero - afferma il dott. Alessandro D’Amelio, Responsabile della U.O. Nefrologia e Dialisi  - con un servizio di estrema utilità per tutta la comunità gallipolina e non solo. Assieme all’amico e collega dott. Oronzo Lazzari e a tutta la splendida équipe infermieristica abbiamo intenzione di promuovere ulteriori iniziative sul territorio in quanto è prioritario far capire alla popolazione l’importanza della prevenzione e della informazione, troppo spesso mancante o scarsamente penetrante. Dobbiamo cambiare assolutamente le nostre abitudini e cominciare a guardare in maniera diversa anche i nostri reni, organi importantissimi e con tantissime funzioni. Solo conoscendo come funzionano, a cosa servono e quali sono i segni iniziali di un loro problema potremo pensare di fare una ottimale opera di prevenzione, a cominciare dai primi anni di vita”.

L’iniziativa ha il sostegno ed il patrocinio della S.I.N. (Società Italiana di Nefrologia), della F.I.R. (Fondazione Italiana del Rene), della ASL Lecce e del Comune di Gallipoli.

 “Vi aspettiamo numerosi giovedì 14 marzo dalle ore 8 alle 13 presso l’ambulatorio di Nefrologia al 1° piano del P.O. ‘Sacro Cuore di Gesù’ di Gallipoli” - conclude il nefrologo. 

Le malattie renali 
L‘ alterazione dell’anatomia e delle funzioni dei reni può creare gravi problemi a tutto l’organismo. Questi importantissimi organi, che mantengono l’equilibrio idro-salino nell’organismo e depurano il sangue, possono essere danneggiati da batteri, virus, parassiti, malattie autoimmuni sistemiche, diabete mellito, tumori, diete errate, insufficienza epatica, grave disidratazione e patologie genetiche.

Uno dei problemi più gravi è la disinformazione, che oltre ai danni economici crea rischi molto seri per il paziente: è per questo che il 14 marzo a Gallipoli l’occasione di un controllo gratuito dev’essere presa al volo. Molte malattie renali hanno sintomi simili a problematiche diverse: ecco perché la diagnosi “fai da te” è rischiosissima. Per scoprire lo stato di salute dei nostri reni sono necessari gli screening fatti da specialisti. Calcoli renali, di cui abbiamo parlato in un precedente servizio, pielonefrite, glomerulonefrite, sindrome nefrosica, nefropatia diabetica, rene policistico, idronefrosi, insufficienza renale e tumore al rene sono le malattie renali più conosciute. Scoprirle in tempo evita al paziente problemi ancora più gravi. I campanelli d’allarme sono tanti: difficoltà a urinare a cui si associa il vomito, urine maleodoranti o torbide, bisogno di urinare nella notte più volte, anuria (mancata emissione di urina a cui si associa la perdita di peso), bisogno di urinare spesso a cui si associa il prurito cutaneo, dolore ai reni o a un fianco e sangue nelle urine, dolore addominale, presenza di proteine nell’urina (schiuma nell’urina), nausea associata a debolezza e affaticamento. Tutti questi sintomi possono essere un segnale che qualcosa non sta funzionando nel nostro apparato urinario. Farsi controllare con costa nulla, anzi elimina costi insostenibili in futuro. 

Gaetano Gorgoni

 

 

Altri articoli di "Salute Sette"
Salute Sette
18/03/2019
La tomografia computerizzata coronarica ha fatto molti passi in avanti, ma il problema ...
Salute Sette
16/03/2019
A Lecce ogni anno vengono riscontrati dei casi di questa ...
Salute Sette
14/03/2019
Decine di persone si sono presentate in mattinata presso ...
La tomografia computerizzata coronarica ha fatto molti passi in avanti, ma il problema è affidarsi a macchinari ...
clicca qui