Lecce, occasione sprecata. Brignoli e sfortuna fermano i giallorossi, vince il Palermo

sabato 2 marzo 2019

Un Lecce che parte male, gioca bene ma manca totalmente in fortuna e cinismo esce sconfitto per 2-1 dal big match in casa del Palermo, perdendo così l’opportunità di superare i rosanero in classifica e di portarsi a -3 dal Brescia capolista.

Ai giallorossi resta il rammarico di aver mancato una buona occasione in chiave classifica e di non aver approcciato nel modo giusto all’incontro, poi dominato ma costellato da sfortuna e dalle prodezze dell’estremo siciliano Brignoli. Di buono per i ragazzi di Liverani resta una prestazione che avrebbe almeno meritato il pareggio finale, mentre la classifica dice ancora quarto posto in attesa delle gare di Pescara e Verona.

Avvio di gara disastroso del Lecce, costretto dopo tre minuti ad inseguire l’avversario. Il Palermo trova infatti il vantaggio al primo affondo grazie a Trajkovsi che riceve sulla trequarti e, complice il troppo molle pressing di Majer, riesce a calciare rasoterra nell’angolino basso, con Vigorito il lieve ritardo. I giallorossi sono rimasti negli spogliatoi, e quattro minuti dopo subiscono la grande giocata di Puscas, che vince l’uno contro uno con Venuti e incrocia dai venti metri; palla al lato di poco. Ancora e solo Palermo al quarto d’ora: il solito Trajkovski arpiona palla e cerca di piazzarla di sinistro, trovando stavolta l’attenta deviazione in corner del portiere salentino. Da lì in poi è monologo, o quasi, del Lecce. Al 21′ botta di Tachtsidis, Brignoli attenta e deviazione centrale. L’estremo siciliano è ben più impegnato poco dopo sul mancino a giro di Falco, deviato in corner. Tocca poi a La Mantia provarci di testa, ancora Brignoli attento in corner. Lo show dell’estremo rosanero procede incontrastato: alla mezz’ora ancora Falco rientra e cerca il palo lontano, trovando la deviazione in angolo del portiere, e sul finale di tempo il piattone destro al volo di La Mantia è clamorosamente respinto sul palo sempre da Brignoli, che manda così i suoi all’intervallo avanti di uno.

Altra sliding door del match a inizio ripresa, con protagonista l’ex portiere del Benevento. E’ il 50′ e il colpo di testa a botta sicura di La Mantia trova l’ennesima deviazione in angolo di Brignoli e negare il pari al Lecce. Due minuti dopo è invece il Palermo, che era sparito dai radar in chiave offensiva, a trovare la marcatura. Autore è Puscas, già match-winner all’andata, che sfrutta il velo illuminante di Chochev, elude la marcatura debole di Meccariello e batte l’incolpevole Vigorito per il 2-0. Dopo gli assist forniti a La Mantia, Falco prova nuovamente a rimettersi in proprio al sessantatreesimo e stavolta cambia palo su cui cercare di sorprendere Brignoli, puntando sul primo; non cambia l’esito con il rosanero attento a deviare in corner. Sul ribaltamento di fronte è invece Murawski a cercare il jolly dalla distanza: tiro forte ma centrale, Vigorito respinge. Il Lecce non molla, continua a giocare bene cercando di rimediare all’inconsistenza difensiva con trame offensive di grande qualità. Qualità che però si ferma spesso in zona gol, dove i giallorossi mancano di cinismo. Questo fino al 93′, quando Tabanelli si produce in un destro di esterno collo che, su punizione di Falco, si insacca sotto l’incrocio, l’unico punto in cui super Brignoli non è in grado di arrivare nella serata del Barbera. Minuti finali di assedio, ma la difesa palermitana controlla agevolmente e per i ragazzi di Liverani sono zero punti in dote dalla trasferta siciliana.

Il Lecce proverà a riscattarsi sabato prossimo di pomeriggio, nel derby delle 15 con il Foggia.

***

Palermo, stadio “R. Barbera”

sabato 2 marzo 2019, ore 18

Serie BKT 2018/19 – 27a giornata

PALERMO-LECCE 2-1

RETI: 3′ Trajkovski (P), 52′ Puscas (P), 93′ Tabanelli (L)

PALERMO (4-3-1-2): Brignoli; Salvi, Bellusci, Rajkovic, Aleesami; Murawski, Jajalo, Chochev (89′ Haas); Trajkovski (80′ Falletti); Puscas, Nestorovski (68′ Szyminski). A disp:  Pomini, Alastra, Rispoli, Accardi, Lo Faso, Moreo, Ingegneri, Fiordilino, Pirrello. Allenatore: Stellone

LECCE (4-3-1-2): Vigorito; Venuti, Lucioni, Meccariello, Calderoni; Haye (63′ Tabanelli), Tachtsidis, Majer (89′ Saraniti); Mancosu (63′ Tumminello); Falco, La Mantia. A disp: Bleve, Milli, Riccardi, Cosenza, Arrigoni, Marino, Felici, Fiamozzi, Bovo. Allenatore: Liverani

ARBITRO: Gianluca Aureliano di Bologna (Borzomì-Scarpa; IV Di Cairano).

NOTE: Serata mite, temperatura 14°, terreno di gioco in buone condizioni. Ammoniti: Nestorovski, Salvi (P), Lucioni, Meccariello, Mancosu (L). Espulsi:. Recupero: 2′ pt, 5′ st.

Fonte: Salentosport.net 

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
18/03/2019
Sui singoli: "Calderoni, un errore che può capitare. Petriccione? Cambiato ...
Calcio
17/03/2019
Poteva essere un colpaccio esterno trionfale e importante in chiave promozione per ...
Calcio
14/03/2019
In occasione dei prossimi tre impegni consecutivi al Via ...
Calcio
12/03/2019
La società giallorossa, in una nota, esprime vicinanza e solidarietà alla ...
Uno studio multicentrico pubblicato ieri sulla rivista ‘The New England Journal of ...
clicca qui