Mignone, passo indietro del M5S: "Interrogazione parlamentare ritirata"

venerdì 22 febbraio 2019

Sulla vicenda dell’immobile di proprietà i parlamentari del M5S fanno un passo indietro: “Non volevamo screditare il suo operato”.

Passo indietro del Movimento Cinque Stelle nella vicenda dell’interrogazione parlamentare rivolta al Ministro delle Infrastrutture e a quello dell’Ambiente su un immobile di proprietà della procuratrice Elsa Valeria Mignone: i firmatari della richiesta hanno deciso di ritirarla, chiarendo che non ci fosse “alcun attacco alla magistratura”, “tanto più – si legge in una nota - a quei coraggiosi esponenti come la dottoressa Mignone che per la grande professionalità e indipendenza con cui svolgono il loro gravoso incarico, hanno tutto il nostro rispetto”.

“Il M5S – chiariscono - crede nel principio di separazione dei poteri sancito dalla carta costituzionale e difende l’autonomia della magistratura. È evidente che l’interrogazione posta in assoluta buona fede da alcuni colleghi senatori, potesse prestarsi a speculazioni inopportune e pertanto è stata ritirata. Se qualcuno credeva di indurre i colleghi con questo gesto a screditare l’operato della dottoressa Mignone, si sbaglia. Infatti, ci preme ribadire che riteniamo prezioso il lavoro svolto dal procuratore aggiunto Mignone nell’esercizio delle sue funzioni e che manteniamo stima e fiducia in merito al suo operato e alla sua integrità”.

Altri articoli di "Politica"
Politica
21/05/2019
I candidati sindaco di Lecce rilanciano i propri temi ...
Politica
21/05/2019
In occasione della visita del vicepremier la contestazione ...
Politica
21/05/2019
Sulla vicenda dei pontili galleggianti, il consigliere ...
Politica
19/05/2019
L’aggressione da parte di un gruppetto di ...
Il 26 maggio sarà la “Giornata del sollievo”: un’occasione utilissima per approfondire ...
clicca qui