Tari sociale, Salvemini: "Affermato principio di equità per 525 famiglie leccesi"

venerdì 22 febbraio 2019

Il candidato sindaco del centrosinistra commenta i numeri relativi alla misura introdotta in sede di bilancio di previsione.

Tari sociali: sul tema dice la sua il candidato sindaco di Lecce, Carlo Salvemini, che fa proprie le parole di don Milani ("Non c’è nulla che sia più ingiusto quanto far parti uguali fra disuguali") per commentare i numeri relativi al beneficio della misura introdotta in sede di bilancio di previsione 2018-2020.

“Nella previsione della Tari 2018 – precisa - ci ha guidato la volontà di tenere conto di quanti non sono nelle condizioni di pagare il servizio di raccolta e pulizia dei rifiuti in ragione dei situazioni di fragilità economica. Per la prima volta - con l'introduzione della Tari sociale - centinaia di famiglie leccesi sono state esentate dal pagamento della tassa in ragione del reddito: 332 al 100%, avendo un ISEE fino a 6.000; 193 al 50% avendo un ISEE tra 6.000 e 9.000 euro. In totale quindi 525 famiglie leccesi a basso reddito hanno potuto beneficiare di un provvedimento pensato espressamente per loro”.

“Anche in condizioni di difficoltà finanziaria – insiste - siamo riusciti ad affermare un principio di equità sociale perché convinti che i diritti dei deboli non debbano essere diritti deboli”.

 

Altri articoli di "Politica"
Politica
25/03/2019
Gli operatori del settore chiedono la pubblicazione del ...
Politica
25/03/2019
In corso la contestazione degli attivisti No Tap contro la ...
Politica
25/03/2019
La lettera inviata alla presidenza del Consiglio l'11 marzo ...
Politica
25/03/2019
La fase del dialogo è finita con un nula di fatto: ...
I microtraumi possono scatenare tutta una serie di problemi tra cui la tenosinovite stenosante, un problema che ...
clicca qui