Il Lecce ribalta il Livorno sul gong, la vetta si riavvicina

domenica 17 febbraio 2019

Emozioni infinite al Via del Mare, dove il Lecce riesce a rimontare due gol al Livorno e batterlo per 3-2 al secondo minuto di recupero in pieno stile hitchcockiano.

Una partita assurda quella dei giallorossi, protagonisti anche per merito altrui del peggior primo tempo della stagione raddrizzato in una ripresa dominata in lungo e in largo che ha portato a una vittoria finale importantissima e anche, tutto sommato, meritata. Grazie a questi tre punti preziosi sotto tutti i punti di vista i ragazzi di Liverani riavvicinano il primo posto, ora distante cinque lunghezze e con una gara in mano rispetto al Brescia battistrada.

Per il Lecce è totale emergenza formazione, con Lucioni, Bovo, Scavone, Petriccione e Mancosu out tra squalifiche e infortuni. Chance da titolare per Arrigoni nel ruolo inedito di mezzo sinistro, mentre Falco rientra dal primo minuto arretrando sulla trequarti. Livorno schierato da Breda con il 3-4-1-2, che verte sull’abilità e sull’esperienza di Alino Diamanti tra le linee. Ospiti vivaci a inizio gara, e al tiro dalla distanza già al quarto proprio con capitan Diamanti, autore di una conclusione larga di un paio di metri. Somatizzato il rinnovato assetto tattico, il Lecce sale in cattedra schiacciando gli avversari. Al 13′ gran cross di Calderoni per la testa di La Mantia che sfiora la traversa. Ancora il puntero giallorosso, stavolta servito da Falco, sfiora il gol sempre di testa al quarto d’ora; Mazzoni è abile e devia in angolo. La doppia occasione risveglia la verve dei toscani, vicini al vantaggio al diciottesimo: Giannetti approfitta di un errore di Tabanelli e, superato Meccariello, calcia in diagonale trovando l’ottima risposta di Vigorito. Il momento è propizio agli amaranto, che infatti al trentunesimo trovano il vantaggio. Arrigoni, con la complicità di Tabanelli, regala palla a Bogdan, che dopo aver intercettato sulla propria trequarti l’errato passaggio orizzontale, si invola indisturbato verso la porta di Vigorito, trafiggendolo con un piattone destro nell’angolino. Il Lecce a questo punto sparisce dal campo. Al 37′ ecco così il bis ospite: palla dalla sinistra in mezzo per Raicevic che protegge bene e offre la facile sponda per l’accorrente Diamanti, il cui tocco di destro si insacca nell’angolino basso. Provano a rinsavire i ragazzi di Liverani, un minuto dopo al tiro con Tabanelli che dal limite lambisce il paloalla destra di Mazzoni. Il Livorno però non si ferma e al quarantesimo va ancora al tiro con Fazzi: Vigorito respinge. A pochi secondi dall’intervallo ci prova Marino di testa su punizione di Falco dalla destra, senza riuscire a trovare la porta. Appena l’arbitro manda negli spogliatoi le due squadre per l’intervallo tanto incoraggiamento ma anche fischi, i primi della stagione, per Arrigoni e compagni.

Nella ripresa mossa della disperazione di Liverani, che inserisce la quarta punta con Tumminello al posto di Tabanelli. Primo sussulto salentino al 55′ con Falco, liberato al tiro dal limite dopo una lunga azione manovrata: palla al lato di poco. Al 61′ il Lecce la riapre con La Mantia, che di testa si inserisce alla perfezione sul cross di Arrigoni e di testa gonfia la rete. Un minuto e i giallorossi si trovano anche in superiorità numerica in seguito all’espulsione del livornese Fazzi, che atterra un ritrovato Falco, capace di farlo ammonire due volte in pochi minuti. Ora è assedio leccese, che al settantunesimo produce un colpo di testa di Meccariello al lato di pochissimo. Al 75′ più insidiosa la spizzata di Marino su cross di Palombi, al lato di poco. Il meritato pari locale giunge al settantanovesimo: azione convulsa e insistita al limite dell’area toscana con Falco protagonista, tiro respinto e palla sul sinistro di Arrigoni che insacca. Due minuti e Tachtsidis cerca il jolly su punizione: palla alta sopra la traversa. Nel finale in campo anche Saraniti e Haye per aumentare l’intensità delle giocate offensive, e il Livorno è chiuso nella sua area di rigore. Le azioni si susseguono e il cuore del Lecce è premiato al novantaduesimo, quando Haye dalla sinistra mette in mezzo una palla bassa che, deviata, diventa buona per la zampata di La Mantia, che di esterno batte Zima completando la clamorosa ed emozionante rimonta.

Nel prossimo turno i giallorossi saranno di scena a Cittadella. Calcio d’inizio sabato 23 ore 15.


Fonte: Salentosport.net

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
20/05/2019
Il presidente del Lecce ha risposto ai microfoni di Radio 1.   De Rossi a ...
Calcio
17/05/2019
Parla anche il tecnico Liverani: “Per noi ...
Calcio
14/05/2019
La promozione del Lecce in Serie A diventa argomento del ...
Calcio
13/05/2019
È arrivata in queste ore la condanna per illecito ...
Nel Dipartimento Salute Mentale leccese i pazienti sono tanti: si arriva lì quando le condizioni sono già ...
clicca qui