Via Incoronata a Nardò, rinasce l'edicola sacra

venerdì 8 febbraio 2019

Affidato agli architetti De Cupertinis e Giuri il progetto di restauro del bene.

Il cantiere dell’Urban Park riaccende i riflettori sulla edicola sacra di via Incoronata, situata a ridosso dell’area oggetto dell’intervento e in stato di evidente degrado. Per questo, l’amministrazione comunale ha deciso di intervenire, affidando un progetto di restauro e di conservazione dell’architettura votiva agli architetti Giovanni De Cupertinis e Alessandro Giuri, che hanno dato la loro disponibilità a fronte di un rimborso spese forfettario di circa 1900 euro, comprensivi di iva e cassa.

L’edicola è datata presumibilmente tra il XVII e il XVIII secolo, è dedicata alla Beata Vergine Maria Incoronata (come la chiesa vicina) e riveste particolare importanza storica e culturale, nonché rappresenta la testimonianza di un’arte popolare e di una religiosità radicata e diffusa che meritano di essere preservate. Allo stato attuale, come detto, presenta evidenti segni di degrado, anche strutturale, che rischiano di diventare irreversibili.

“È un patrimonio da tutelare - dice il sindaco Pippi Mellone - ed è molto cara ai neretini, per questo abbiamo deciso di intervenire con il restauro. Mentre proseguono a ritmo incessante i lavori per la realizzazione del più grande polmone verde della città, l'Urban Park dell’Incoronata, non lasceremo abbandonato al suo destino questo bene, che oggi è abbastanza degradato. I progettisti sono già al lavoro e in tempo per l’inaugurazione del parco, anche l’edicola avrà riacquistato il suo splendore”. 

 

 

 

Altri articoli di "Luoghi"
Luoghi
08/04/2019
La Provincia di Lecce conferirà un riconoscimento all’affermata astrofisica, ...
Luoghi
07/04/2019
Appuntamento, lunedì 8 aprile, a Palazzo Adorno a ...
Luoghi
26/03/2019
Presentate le iniziative nel Salento: evento in Piazza ...
Luoghi
24/03/2019
Si inaugura il 12 aprile alle ore 22 la doppia personale ...
Secondo uno studio pubblicato su Neurology questo disturbo aumenterebbe i decessi cardiovascolari oltre a causare una ...
clicca qui