Strisce blu, rischio sanzione per quanti non hanno rinnovato i permessi

lunedì 4 febbraio 2019

Permessi gratuiti per la sosta nelle aree tariffate: dall’11 febbraio a rischio sanzione chi non è in regola col rinnovo per il 2019.

Sgm ricorda che i permessi gratuiti per la sosta nelle aree tariffate riferiti al 2018 non saranno più ritenuti validi da lunedì 11 febbraio 2019 e, di conseguenza, a partire da tale data, coloro che non avranno rinnovato per il nuovo anno saranno esposti al rischio di contravvenzione. La compilazione della domanda di rinnovo può avvenire online sul sito web di Sgm www.smlecce.it

Sarà sufficiente accedere all’area “Servizi/Sosta tariffata/Agevolazioni per i residenti/Domanda online agevolazione residenti”, compilare e inviare il modulo telematicamente. Una notifica via email confermerà il buon esito dell’operazione e consentirà di stampare la richiesta appena inoltrata. Dopo tre giorni lavorativi il cittadino potrà recarsi al City Terminal per ritirare quanto richiesto.

Chi invece volesse utilizzare il metodo tradizionale, può presentare la domanda cartacea presso il City Terminal di Viale Porta d’Europa, aperto dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 19.30. In questo caso, l’istanza di rinnovo dovrà essere formulata utilizzando la modulistica messa a disposizione presso lo stesso City Terminal e sul sito di Sgm.

Sgm rammenta che la vetrofania presente sul parabrezza non dovrà essere rimossa, ma sarà sufficiente sostituire il bollino di convalida dell’anno in corso.

 

Altri articoli di "Informazioni utili"
Informazioni util..
18/02/2019
Acquedotto Pugliese sta effettuando interventi per il miglioramento del servizio nella ...
Informazioni util..
17/02/2019
Acquedotto Pugliese sta effettuando interventi per il ...
Informazioni util..
11/02/2019
Acquedotto Pugliese sta effettuando interventi per il ...
Informazioni util..
11/02/2019
Acquedotto Pugliese sta effettuando interventi per il miglioramento del servizio ...
Ancora una volta in sala operatoria col direttore di Chirurgia del Vito Fazzi di Lecce, Marcello Spampinato, per ...
clicca qui