World cancer day, oggi è la giornata mondiale contro il cancro promossa dall’OMS

lunedì 4 febbraio 2019

Il cancro nel 2018 ha provocato la morte di 9,6 milioni di persone i tutto il mondo, secondo i dati diffusi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. In Italia molti progressi: si vive di più. 

Il cancro è ancora il male più insidioso e costoso della sanità mondiale: in un solo anno sono state registrate ufficialmente quasi 10 milioni di vittime. Nel solo 2018, a circa 18 milioni di persone è stato diagnosticato il tumore e 5 milioni avrebbero potuto salvarsi con una diagnosi tempestiva. In Italia nell’ultimo anno sono stati diagnosticati oltre 373mila nuovi casi, oltre 1000 al giorno. Sono bollettini da guerra che la medicina sta provando a limitare con tutta una serie di nuove scoperte: terapia genica e immunoterapia. Siccome sembra che, soprattutto in alcuni Paesi, questo terribile male sia in aumento, sensibilizzazione e prevenzione a livello internazionale devono essere prioritarie. Ecco perché l’Organizzazione Mondiale della Sanità oggi ha previsto che si celebri “World Cancer Day”, la Giornata mondiale contro il cancro, diffondendo un decalogo della salute per prevenire il rischio di far esplodere un tumore nel nostro organismo. Il messaggio scelto dall’OMS per l’edizione di quest’anno è “I Am and I Will” (“Io ci sono e ci sarò”), un invito a impegnarsi in prima persona nella battaglia contro il “grande male”. Le previsioni per il prossimo decennio indicano che nel 2030 il cancro sarà la principale causa di morte nel mondo con 21,6 milioni di nuovi casi all’anno: è per questo motivo che diventa fondamentale uno sforzo collettivo per la promozione della prevenzione di primo e secondo livello. L’iniziativa dell’OMS punta a coinvolgere tutti: oggi si possono creare  poster o immagini da condividere sui social, lanciando un messaggio o raccontando la propria storia sul sitoworldcancerday.org.

I PROGRESSI ITALIANI 

Nel nostro Paese si vive di più dopo una diagnosi di tumore: molti progressi sono stati fatti rispetto a cinque anni fa. La prevenzione sta funzionando, anche se bisogna lavorare molto di più sugli screening, consapevolezza e stili di vita. La sopravvivenza a cinque anni è aumentata, sia per gli uomini (54% vs 51%) che per le donne (63 % contro 60%) in pochi anni. Quello che sta facendo la differenza sono i grandi progressi nel campo della ricerca: più volte in questa rubrica vi abbiamo parlato dei grandi passi in avanti fatti dall’oncologia e dall’immunoterapia. Sempre con “Salute Sette” abbiamo intervistato in esclusiva i grandi protagonisti di questa “rivoluzione medica” come il professor Mantovani. 

Ecco perché i dati ci pongono al vertice in Europa per le guarigioni.

LE REGOLE DELLA PREVENZIONE 

Curare il tumore ai primi stadi è l’obiettivo della sanità pubblica: non solo perché c’è molta più probabilità di sopravvivenza, ma anche per le casse pubbliche. Gli screening sono fondamentali già verso i 50 anni. Però c’è una prevenzione primaria che si può fare dalla nascita. L’ambiente conta, perché può modificare il nostro DNA: dunque, attenti all’aria che si respira e al cibo che si mangia. Obesità e sovrappeso sono tra le cause di 12 tipi di tumori diversi: dunque, controllare il peso in età adulta e da piccoli. 

L’OMS ha spiegato che l’attività fisica è un toccasana contro i tumori: ogni settimana sono necessari almeno 150 minuti di attività fisica moderata, oppure 75 minuti di attività ad alta intensità. Per quanto riguarda il cibo, è consigliabile mangiare ogni giorno almeno 30 grammi di fibre e 400 grammi di frutta e verdura. Zuccheri, grassi e bevande gassate è meglio limitarli al massimo. Secondo alcuni studiosi, è necessario limitare il consumo di carne: massimo tre porzioni alla settimana (equivalenti a circa 350 – 500 grammi di carne cotta). Gli esperti consigliano anche di eliminare l’uso di alcolici per prevenire i tumori (tutt’al più limitarsi a un bicchiere di vino). 

Tra le cose da non fare c’è l’uso eccessivo e non indicato da un medico degli integratori.

Gaetano Gorgoni





 

Altri articoli di "Salute Sette"
Salute Sette
23/08/2019
Aumentano le persone che decidono di conservare i propri spermatozoi o gli ovuli in ...
Salute Sette
22/08/2019
 In pieno agosto i pediatri stanno riscontrando ...
Salute Sette
21/08/2019
Il professore Salvatore Nuzzo, psicologo e psicoterapeuta ...
Salute Sette
20/08/2019
Il bambino con disturbi dello spettro autistico non ...
Aumentano le persone che decidono di conservare i propri spermatozoi o gli ovuli in attesa del momento giusto. ...
clicca qui