Paura per l'infortunio a Scavone: sospesa e rinviata la partita del Lecce

venerdì 1 febbraio 2019
Il giocatore, dopo lo scontro, ha comunque ripreso conoscenza. Si trova ora ricoverato al Vito Fazzi.

La gara è stata sospesa per l’infortunio occorso a Scavone, vittima - dopo 10 secondi dal via - di uno scontro di gioco, testa contro testa, con Beretta. Il calciatore del Lecce è stato trasportato in ambulanza verso il “Vito Fazzi” di Lecce. Trapelano notizie, comunque rassicuranti: Scavone ha ripreso quasi subito conoscenza. La partita, anche per la preoccupazione espressa da entrambe le squadre in campo, è stata rinviata a data da destinarsi.

Ecco il video del momento dell'impatto tra i due giocatori nelle immagini di RaiSport.

******************

L'Asl Lecce, intanto, con una nota stampa fa sapere che Scavone
ha subito un forte trauma cranico commotivo, ma è fuori pericolo:
"Il calciatore del Lecce Manuel Scavone, vittima di un violento scontro di gioco, è fuori pericolo. E’ giunto pochi minuti fa nel Pronto Soccorso dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, dove i medici gli hanno prestato le prime cure, riscontrando un forte trauma commotivo con momentanea perdita di coscienza.
Le condizioni del paziente sono comunque buone. I medici hanno già eseguito diverse Tac: cranio, cervicale e torace, tutte con esito negativo, quindi senza lesioni interne. Poichè il paziente ha perso conoscenza, i medici del Pronto Soccorso, d’intesa con il neurochirurgo di turno, hanno deciso il ricovero precauzionale in Neurochirugia, dove sarà tenuto in osservazione per almeno 24 ore".

L’U.S. Lecce tiene anche a precisare che "le azioni di soccorso sono state eseguite in maniera tempestiva e secondo protocollo. I primi ad intervenire sul terreno di gioco sono stati i sanitari del club giallorosso, Dott. Giuseppe Palaia, Dott. Giuseppe Congedo ed il massofisioterapista Graziano Fiorita. Immediatamente dopo si è attivata l’equipe di rianimazione presente a bordo campo, composta dal Dott. Antonio Tondo (cardiologo) e dal Dott. Maurizio Tiano (rianimatore) e dal personale paramedico. In casi simili a quello occorso al centrocampista giallorosso, prima di trasferire il paziente in ambulanza, è necessaria la ripresa delle funzioni vitali. Come avvenuto ieri sera, una volta stabilizzate le funzioni vitali del soggetto coinvolto, si è proceduto al trasporto in ambulanza".

 

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
25/04/2019
Il "Via del Mare", che ha già ...
Calcio
23/04/2019
Il tecnico giallorosso pronto a viversi il big match con ...
Calcio
22/04/2019
I gol di La Mantia e Falco e soprattutto le super parate di ...
Calcio
22/04/2019
Una partita storica per tutti i tifosi giallorossi - leccesi e romanisti - quella che il ...
Le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità confermano quello che già sapevamo, ma ...
clicca qui