Soldi al sindaco per i danni da neve, polemiche a Uggiano. Piconese: "Rinuncio"

venerdì 1 febbraio 2019
Dopo l'accusa e le dimissioni del consigliere di maggioranza Vincenzo Sisinni, il primo cittadino coordinatore provinciale di LeU controbatte: "E' un mio diritto. Indegne strumentalizzazioni". 

Il sindaco chiede un risarcimento alla Regione per i danni causati dall'eccezionale nevicata del 2017 ma in maggioranza la maretta diventa crisi e un consigliere lascia. Al centro delle polemiche il primo cittadino di Uggiano La Chiesa e coordinatore provinciale di LeU Salvatore Piconese contro il quale hanno puntato il dito i componenti della minoranza ma anche Vincenzo Sisinni, consigliere della lista “Insieme per cambiare” in quota Pd che lo ha sostenuto alle elezioni del 2015. Proprio quest'ultimo ha lanciato le sue accuse in una lettera ai cittadini in cui spiega il perché delle dimissioni: “L'agire senza rispetto alcuno delle istituzioni ha leso il rapporto fiduciario con il sindaco […] Non posso e non voglio pormi a servizio di consorterie, faide interne, vuoto di idee che non appartengono alla mia coscienza politica e umana”.

Per tutta risposta Piconese ha fatto sapere di aver protocollato questa mattina la richiesta di annullamento dell'eventuale risarcimento danni alla sua abitazione “pari a circa 3.500 euro per danni documentati su lavori terminati un paio di mesi prima”
“L'ho fatto per fare chiarezza e per evitare ulteriori polemiche, equivoci e incomprensioni – scrive- non sono mai stato ricco né tanto meno benestante, non avevo e non ho terreni da lottizzare ed edificare, e la mia famiglia ha sempre vissuto col lavoro quotidiano. Ho sempre la stessa macchina, un mutuo e un finanziamento.
Mi spiace che un atto fatto, da me, con estrema buonafede (così in buona fede che il documento con i nomi è stato pubblicato sull'Albo Pretorio del Comune), nel pieno rispetto della legge, abbia creato, in questi giorni, una discussione accesa.
E ribadisco che questa rinuncia ad una cosa che sarebbe comunque un mio diritto è per evitare indegne strumentalizzazioni. 
Rinuncio a questi soldi come nel corso degli ultimi 10 anni ho rinunciato a 60.000 Euro d'indennità per la carica di Sindaco che avrei potuto prendere se non avessi deciso di tagliare, appena insediato, l'indennità del 20%. Ribadisco per fare chiarezza che quei soldi non erano soldi comunali ma soldi regionali della Protezione Civile a disposizione di tutti coloro che avessero fatto domanda. 
A coloro, però, che in queste ore hanno utilizzato questo argomento solo per insultare, offendere e calunniare, al fine di costruirsi una piccola e misera "carriera" o per rifarsi ipocritamente una "verginità politica", consiglio vivamente di ritirarsi, per sempre, a vita privata”

 

 

Altri articoli di "Politica"
Politica
25/04/2019
Le critiche avanzate durante un incontro organizzato da ...
Politica
25/04/2019
Il candidato sindaco di Sinistra Comune chiede al vescovo ...
Politica
25/04/2019
Il dirigente nazionale di Gioventù Nazionale e ora ...
Politica
24/04/2019
Il candidato del M5S interviene su presunte ...
Le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità confermano quello che già sapevamo, ma ...
clicca qui