Giuliano Sangiorgi: "Senza Lele avrei smesso di cantare"

mercoledì 30 gennaio 2019

Il leader dei Negramaro si racconta a Vanity Fair. Il prossimo 15 febbraio il nuovo singolo dedicato all'amico chitarrista.

"Se Lele non fosse tornato, avrei smesso di cantare": a dichiararlo Giuliano Sangiorgi, leader dei Negramaro. Il cantante salentino in una lunga intervista su VanityFair, racconta il difficile periodo di buio dopo quel terribile 17 settembre, quando Lele Spedicato, chitarrista della band ma soprattutto suo grande amico, fu colpito da un'emorragia cerebrale. "Senza Lele non avrei più continuato a stare su un palco, semplicemente perché una storia come la nostra, in Italia, non esiste".

"Io avrei voluto annullare il tour - continua Sangiorgi - ma per fortuna non l’abbiamo fatto. Perché Andro (Andrea Mariano, tastierista) ha detto: 'Non cancelliamo il tour, a Lele bisogna dare una botta di vita. Se torna e si sveglia, deve avere la possibilità di crederci'. Era certo che, se Lele avesse saputo del cancellamento, si sarebbe accasciato su se stesso e la ripresa avrebbe avuto un decorso lunghissimo. Aveva ragione. Il tour alla fine lo abbiamo solo rimandato e Lele si è dimostrato un leone."

A sugellare il magico "ritorno alla normalità" dei Negramaro anche l'uscita il prossimo 15 febbraio del singolo Cosa c'è dall'altra parte. "È una preghiera laica e una bestemmia religiosissima - spiega Sangiorgi - non volevamo neanche pubblicarla, ma solo regalarla a tutte le persone che ci sono state vicine. Lele ha sentito l’esplosione collettiva, ha avvertito l’affetto. Si è ripreso così in fretta, credo, soprattutto per quello".

Altri articoli di "Curiosità"
Curiosità
22/04/2019
Come ogni anno nel giorno di Pasquetta, a Calimera, si ripete l'antico rito della pietra ...
Curiosità
21/04/2019
Anticipo d'estate nel Salento. La spiaggia di Porto Cesareo ...
Curiosità
19/04/2019
Un lungo abbraccio con i medici e gli infermieri del "Vito Fazzi". Lele ...
Curiosità
17/04/2019
Il maitre di Osteria degli Spiriti si è aggiudicato il primo posto nella ...
Fave, piselli, derivati e alcuni medicinali sono tossici per chi è affetto da favismo: il sindaco di Sesto ...
clicca qui