I turisti tedeschi preferiscono Nardò: battute le altre mete salentine

mercoledì 23 gennaio 2019

Secondo i dati diffusi da Pugliapromozione alla recente tappa di Francoforte del ByPuglia Tuor 2019, Nardò sarebbe una delle mete preferite dal turismo tedesco in regione.  

I turisti tedeschi preferiscono Nardò: è quanto emerge dai dati diffusi da Pugliapromozione alla recente tappa di Francoforte del BuyPuglia Tour 2019. La città neretina e il il suo territorio spiccano tra le preferenze pugliesi dei visitatori tedeschi.

Nella speciale graduatoria dei pernottamenti in Puglia, la città supera “big” del turismo regionale come Otranto, Ostuni e Lecce e si piazza alle spalle di mete importantissime come Vieste, Ugento, Peschici, Porto Cesareo e Gallipoli.

In Germania Pugliapromozione ha presentato a oltre 50 operatori tedeschi l’offerta della regione, tra mare cristallino, natura, arte, cultura e sapori, delineando l’identikit del turista tedesco (età, gusti, periodo di vacanza, ecc.). Per Nardò una novità di grande rilevanza, che certifica l’andamento più che buono del turismo in città negli ultimi anni e i dati più generali sugli arrivi e sulle presenze.

“La Germania - commenta l’assessore al Turismo Giulia Puglia - è il primo mercato per la Puglia in termini di arrivi e presenze e noi ovviamente siamo molto interessati ai turisti provenienti da questo Paese. Il fatto che Nardò sia tra le mete preferite dei tedeschi, addirittura con un numero di pernottamenti superiore a ‘capitali’ del turismo pugliese come Otranto, Ostuni e Lecce, è una cosa che ci fa molto piacere e che ci conforta rispetto al grande lavoro che abbiamo fatto in quasi tre anni”.

 

Altri articoli di "Turismo"
Turismo
20/02/2019
Al via la nuova tratta da Brindisi con la compagnia Transavia. Nuove rotte per ...
Turismo
19/02/2019
S’intitolava “Destinazione Otranto: il turismo ...
Turismo
19/02/2019
I collegamenti sono già in vendita e saranno ...
Turismo
19/02/2019
Otto gli idroscali in progetto: nei porti di Taranto e ...
"Lo Studio Nazionale Fertilità" conferma l’allarme: gli italiani sono sempre meno fecondi e poco ...
clicca qui