Alternanza scuola-lavoro: Guardia costiera accoglie gli studenti al Nautico di Gallipoli

lunedì 14 gennaio 2019

Sette settimane per un ciclo formativo a favore di circa 110 studenti del Nautico che seguiranno le attività istituzionali della Guardia costiera.

A seguito della sottoscrizione della convenzione di disciplina per attività di alternanza scuola - lavoro tra la Capitaneria di porto e il Nautico “Amerigo Vespucci” di Gallipoli, è iniziato un ciclo formativo a favore di circa 110 studenti del sopracitato Istituto, i quali per un arco temporale di 7 settimane seguiranno le attività istituzionali dei militari della Guardia Costiera, cogliendo l’opportunità di avvicinarsi concretamente alle situazioni operative e mettere in gioco le proprie conoscenze, in un contesto che educa al rispetto delle regole e del mare come patrimonio da tutelare.

La convenzione prevede il coinvolgimento degli studenti appartenenti alle classi IV e V delle sezioni denominate “conduzione del mezzo navale”, “conduzione apparati ed impianti marittimi” e “costruzioni navali”, i quali parteciperanno attivamente alle attività sia amministrative sia operative che quotidianamente vengono svolte dai militari della Guardia Costiera.

Nel corso del momento formativo, finalizzato a preparare i discenti al complesso mondo del lavoro, saranno molteplici le possibilità di approfondire le diverse tematiche legate agli usi civili e produttivi del mare, di confrontarsi con il cluster marittimo nonché di assistere alle modalità di gestione e risposta alle emergenze in mare, coordinate dalla sala operativa della Capitaneria di porto di Gallipoli ed eseguite dai mezzi navali del Corpo.

Altri articoli di "Scuola"
Scuola
20/04/2019
Giulio Biffaro della classe 1°A grazie a ...
Scuola
18/04/2019
Terza edizione de “La sicurezza ci sta a ...
Scuola
17/04/2019
Stanziamento da parte del Governo. Lo annuncia il ...
Scuola
16/04/2019
Annullata la prova per circa 500 aspiranti docenti di ...
Le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità confermano quello che già sapevamo, ma ...
clicca qui