Il freddo non molla la presa: temperature in ulteriore calo, neve fino in pianura

giovedì 10 gennaio 2019

Tra oggi e domani temperature in ulteriore calo con i fiocchi che potranno cadere fino a quote basse. Miglioramento solo parziale tra sabato e domenica.

SITUAZIONE Una vasta saccatura che va dalla Scandinavia al nord Africa sta pilotando aria fredda di origine artico-marittima verso il Mediterraneo e in particolare verso l'Italia dove ha dato vita a una profonda circolazione depressionaria, foriera di maltempo soprattutto al centro-sud.

Tale situazione si potrarrà almeno fino a venerdì con l'afflusso di aria più fredda che causerà un ulteriore calo termico, piogge e neve che scenderà fino a quote piuttosto basse. La dama bianca tornerà quindi abbondante sull'Appennino ma anche sui rilievi pugliesi. Un parziale miglioramento è atteso tra sabato e domenica quando il tempo resterà comunque incerto e variabile.

I prossimi giorni su Puglia e Basilicata saranno quindi caratterizzati da tempo freddo e instabile. Questa ondata di maltempo, però, non ha nulla a che vedere con quella di gelo della scorsa settimana: è quindi esclusa la neve sulle coste.

La situazione sul Mediterraneo attesa per venerdì: il flusso freddo artico continuerà a interessare Balcani e sud Italia con tempo instabile e temperature sotto la media.

GIOVEDI Prima parte di giornata perturbata sui settori centro-meridionali, con piogge diffuse e anche intense soprattutto sui settori ionici con neve a quote medio-collinari (tra i 400 e i 600 metri). Abbondante la neve sull'appennino lucano. Variabile il tempo sui settori settentrionali con isolati rovesci e neve fino a 3/400 metri. Tra pomeriggio e sera migliora sui settori-centromeridionali mentre diventano più intensi i rovesci sul foggiano con quota neve in calo vicina alla pianura (2/300 metri).

VENERDI Tempo spiccatamente instabile per tutta la giornata con rovesci a carattere sparso e irregolare, localmente anche di forte intensità soprattutto sulla Puglia e sulla Basilicata orientale: la neve potrà vadere fino a quote molto basse (2/300 metri) mentre su pianure e sulle coste saranno possibili grandinate e rovesci di graupel (neve tonda). Le temperature risulteranno in ulteriore calo e sotto la media con venti sostenuti dai quadranti settentrionali - attendibilità 70%

SABATO E DOMENICA L'allontanamento della saccatura artica verso est permetterà un miglioramento solo parziale del tempo sulle nostre regioni: le temperature, seppur in leggero aumento, risulteranno ancora sotto la media stagionale con notti molto fredde o addirittura gelide nell'entroterra. Il tempo resterà variabile con possibli nuove piogge a tratti per l'arrivo di correnti più instabili nord-atlantiche - attendibilità 60% 

MeteOne 

Altri articoli di "Meteo"
Meteo
19/06/2019
Il caldo comincia a diventare afoso, non solo lungo le coste ma anche nell'entroterra a ...
Meteo
18/06/2019
 Nonostante il calo rispetto alla giornata di sabato, le temperature massime ...
Meteo
17/06/2019
 Caldo in attenuazione sul Sud Italia, soprattutto tra ...
Meteo
16/06/2019
A partire da oggi le temperature cominceranno a calare, portandosi su valori più ...
Rimuovere le corde vocali intaccate dal tumore e utilizzare una protesi costosissima, tecnologicamente ...
clicca qui