Centrodestra su Salvemini: "Ha scontentato tutti". E Perrone annuncia: "Non mi ricandido"

martedì 8 gennaio 2019
Nella conferenza stampa odierna, il centrodestra si dice compatto e coeso per le sfide future. E Perrone annuncia: "Non mi candiderò nè come sindaco, nè come consigliere".

“Salvemini era ormai solo, il sindaco non ci ha anticipato, è andato sotto sulla delibera più importante del suo mandato e non poteva che lasciare”. L'ex sindaco di Lecce Paolo Perrone è il primo a prendere la parola durante la conferenza del centrodestra convocata a poche ore dalle dimissioni di sindaco e consiglieri che portano la città a nuove elezioni.

“Molti consiglieri della sua parte non erano entusiasti delle sue decisioni e i dipendenti comunali si sono rifiutati di incontrarlo per gli auguri di fine anno perché sapevano che le sue decisioni si sarebbero ritorte contro di loro. Come è possibile fare manovra con squilibrio di 30 milioni quando non se ne era corto fino a 15 giorni prima?”. Ma ci sarebbe anche un retroscena secondo l'ex sindaco: “Salvemini pensava di poter convincere qualcuno di noi a partecipare ad una nuova maggioranza nei 20 giorni successivi alle sue dimissioni ma l'atto del notaio ha stoppato ogni possibile manovra sua e di Delli Noci.
“Da qualche tempo era asfissiante per noi confrontarci con opinione pubblica. Lasciando stare i partigiani non esiste una categoria di leccesi contenta di questi 18 mesi – ha continuato Perrone-
Non è stato fatto nulla per la città. Finanziamenti significativi non ce ne sono: per la rigenerazione urbana sulla quale hanno investito, hanno chiesto 5 milioni e si sono classificati 44esimi.
E poi si è appiattito su interpretazioni contro i cittadini sui passi carrabili tassandoli. La prima azione politica con il commissario sarà dimostrargli la volontà di esentare i cittadini su Tosap compresi i passi carrabili”. Sul prossimo futuro Perrone annuncia che non si candiderà più, né come sindaco né come consigliere: “Sceglieremo il miglior candidato sindaco per poter competere contro Salvemini e altri candidati come quello possibile dei 5 stelle. Eviteremo voti disgiunti, come quelli che portarono Delli Noci nelle scorse elezioni all'inciucio con Salvemini”.
“Salvemini non ha avuto maggioranza al primo turno e ha avuto bisogno di Delli Noci che era dei nostri. I numeri hanno sempre dato ragione a noi. Questo gruppo ha sempre offerto serietà e proposte. Ma Salvemini ha ritenuto di non confrontarsi. Ha demonizzato il passato quando c'è stata gente che ci ha messo passione- ha aggiunto Messuti - la città ha bisogno di serenità”.
“E' un'amministrazione nata con un inganno. Nata male e continuata peggio. Non ci sono opere che segnano questo anno e mezzo di attività. Lecce non meritava né il dissesto né il predissesto. Chi amministra deve assumersi le responsabilità del proprio ruolo. Ora ci presenteremo con un programma unico e senza inganni andremo al voto” annuncia Angelo Tondo.
“Vedo intorno a me una grande squadra che può ridare a Lecce la politica che merita, la stessa politica che ha portato la città alla ribalta nazionale negli ultimi 20 anni” ha aggiunto Paride Mazzotta, capogruppo di Forza Italia.

Pensa all'imminente campagna elettorale anche Bernardo Monticelli Cuggiò: “Salvemini ha governato contro, continuando a fare come quando sedeva nei banchi dell'opposizione. Ha rifiutato qualsiasi tipo di confronto. Gli errori di due anni fa non si ripeteranno perché abbiamo fatto un patto tra galantuomini. Condivideremo ogni decisione presentando a maggio una squadra forte e coesa”.

Nell'incontro di oggi ha preso parola anche Antonio Finamore che insieme alle altre due consigliere di Prima Lecce ha mantenuto in piedi l'”anatra zoppa”: “Chiedo scusa a leccesi di centrodestra. Patto per Lecce fatto convintamente per evitare commissariamento, ma non è andata come volevamo. Salvemini è una brava persona ma non si è confrontato con noi. Oggi sto finalmente bene e mi viene da piangere perché non ce la facevo più”.


 

Altri articoli di "Politica"
Politica
15/01/2019
In una riunione del partito forzista, ribadita la ...
Politica
15/01/2019
Un tavolo di confronto sui temi, sui programmi e sulle ...
Politica
14/01/2019
Inizia ufficialmente il commissariamento del Comune, con l’insediamento del ...
Politica
14/01/2019
I membri del comitato Salvaguardia Salute Cittadini ...
Nella classifica che vede le regioni del nord primeggiare in campo sanitario la Puglia ha il punteggio più alto ...
clicca qui