Risveglio sotto zero: intenso peggioramento da domani

martedì 8 gennaio 2019

Il freddo che sta affluendo in queste ore dai Balcani è di natura continentale e, quindi, in quanto tale, è decisamente più secco rispetto all'aria fredda dell'evento gelido dello scorso 4 gennaio, di estrazione artico-marittima.

Infatti, i valori del punto di rugiada, parametro che esprime in modo sintetico la composizione dell’aria in termini di temperatura e umidità, sono ampiamente negativi su tutto il territorio, indice di aria non solo fredda, ma anche molto secca.

Risveglio gelido questa mattina, con diffuse e intense gelate nelle zone interne.

Di seguito, i valori minimi più significativi:

?? Sarolo (BR): -3.9°

?? Nardò (LE): -2.2°

?? Lequile (LE): -1.9°

?? San Pancrazio Salentino (BR): -1.7°

?? Taurisano (LE): -1.2°

?? Collepasso (LE): -1.0°

?? Brindisi: -0.7°

?? Alessano (LE): -0.5°

?? Selva di Fasano (BR): -0.4°

?? Veglie (LE), Latiano (BR): -0.3°

Dopo una breve tregua martedì, il tempo tornerà a peggiorare: questa volta freddo meno intenso ma maltempo con piogge e neve sull'appennino e poi in collina.

Passate le feste, l'inverno continuerà a farla da padrone sull'Italia e in particolare sulle nostre regioni dove continueranno a ripetersi ondate di maltempo e irruzioni fredde probabilmente fino a metà mese.

EVOLUZIONE A inizio settimana il nucleo gelido in quota sui Balcani si muoverà in modo retrogrado verso l'Italia, ma riuscirà solo a lambire la Puglia con aria molto fredda in quota di matrice artico-continentale. Poi, dopo una brevissima tregua nella giornata di martedì, una nuova perturbazione proveniente dalla Scandinavia, accompagnata da aria fredda di origine artico-marittima, investirà il centro-sud portando condizioni di spiccato maltempo.

Su Puglia e Basilicata saranno dunque giorni contraddistinti da clima quasi sempre freddo e ventoso con tempo instabile e, a metà settimana, anche perturbato tra piogge e neve in collina.

Oggi giornata di tregua, con freddo e tramontana che molleranno parzialmente la presa su Puglia e Basilicata: temperature in lieve aumento ma generalmente sempre sotto la media stagionale mentre i venti ruoteranno a libeccio su entrambe le regioni. Il tempo sarà prevalentemente soleggiato ma con nuvolosità in aumento dal pomeriggio a partire dai settori occidentali con prime piogge in nottata - attendibilità 90%

DA MERCOLEDì Intenso peggioramento a partire dalle prime ore di mercoledì su entrambe le regioni che dovrebbe caratterizzare tutta la seconda parte della settimana con maltempo, venti tesi e temperature in nuovo calo rispetto alla precedente ondata, avremo meno freddo ma maggiori precipitazioni: arriveranno infatti piogge diffuse e anche temporali mentre la neve scenderà inizialmente a quote di bassa montagna e solo successivamente (giovedì-venerdì) a quote collinari via via più basse - attendibilità 70%

Il tempo resterà probabilmente freddo e instabile anche nel corso del weekend quando avremo temperature sotto la media, venti settentrionali e rovesci sparsi con fiocchi di neve a quote collinari - attendibilità 50%  

Supermeteo,
MeteOne 

 
Altri articoli di "Meteo"
Meteo
16/01/2019
Gelido risveglio questa mattina con intense gelate nelle zone interne. Di seguito, i ...
Meteo
15/01/2019
Ultimo giorno di freddo durante le ore centrali della giornata. Tempo in miglioramento e ...
Meteo
14/01/2019
 La carta sinottica prevista per le 13 di oggi, ora ...
Meteo
13/01/2019
La configurazione barica, ormai bloccata da settimane sullo ...
Nella classifica che vede le regioni del nord primeggiare in campo sanitario la Puglia ha il punteggio più alto ...
clicca qui