Emiliano chiama a raccolta amministratori anti-trivelle: "Nuova iniziativa per salvare i mari"

lunedì 7 gennaio 2019

Nuova mobilitazione contro i permessi per la ricerca di idrocarburi. 

Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano chiama a raccolta sindaci e amministratori anti-trivelle per rinnovare la battaglia a favore dei mari italiani. I componenti del Comitato Promotore dei Referendum svoltosi il 17 aprile 2016, tutti i rappresentanti interessati delle Regioni e dei Consigli Regionali che col loro voto chiesero lo svolgimento della consultazione referendaria sono stati invitati ad un incontro a Bari per il prossimo 14 gennaio.

“È insopportabile la bieca ipocrisia di chi, dopo aver finto di lottare al nostro fianco, appena giunto al Governo del Paese anche grazie ai tanti elettori sensibili a questo argomento, ora assume le medesime condotte dei governi precedenti che si volevano contrastare con la richiesta di referendum antitrivelle. Tali posizioni esprimono una totale indifferenza per le questioni ambientali e per la tutela dei nostri mari e dei nostri territori senza alcuna reale prospettiva di sviluppo economico. Ma soprattutto un cinismo spietato e lobbista come già constatato dalla Puglia nei voltafaccia insopportabili sulle questioni Ilva e Tap. La firma dei permessi di ricerca petrolifera con l’Air Gun tra Natale e Capodanno, dà il senso di una delusione grandissima nei confronti di avversari politici con i quali il Governo pugliese aveva lealmente collaborato su queste grandi battaglie senza esitare ad entrare in contrasto con i governi del centrosinistra.”

 


Altri articoli di "Politica"
Politica
18/03/2019
Il movimento presieduto dall'imprenditore Emilio Colaci ...
Politica
18/03/2019
Tutti i partiti del centrodesta difendono le primarie e i ...
Politica
18/03/2019
La candidata sindaco ribadisce la volontà al dialogo ...
Politica
18/03/2019
Oggi il candidato sindaco, insieme a Delli Noci e ad alcuni ...
La tomografia computerizzata coronarica ha fatto molti passi in avanti, ma il problema è affidarsi a macchinari ...
clicca qui