Irruzione artica a Capodanno: neve anche a bassa quota

venerdì 28 dicembre 2018

Le nostre regioni si troveranno ai margini dell'anticiclone e nel mirino di correnti settentrionali. Per la fine dell'anno possibile breve ondata di freddo.

EVOLUZIONE Nel corso del fine settimana un promontorio anticiclonico continuerà a stazionare sul Mediterraneo centro-occidentale garantendo tempo stabile sull'Italia. Tuttavia tra sabato e domenica l'alta pressione inizierà ad indebolirsi sul suo bordo orientale permettendo l'infiltrazione di correnti più fredde e instabili dai Balcani sul settore adriatico.

Su Puglia e Basilicata la settimana si concluderà quindi senza scossoni con tempo variabile ma per lo più soleggiato, qualche pioggia (domenica) e venti persistenti dai quadranti settentrionali. 

Proprio tra il 31 dicembre e Capodanno, poi, le nostre regioni potrebbero essere lambite da un'ondata di freddo che investirà soprattutto i Balcani: tala dinamica è però ancora incerta e l'entità dell'eventuale peggioramento da verificare.

VENERDI E SABATO Entrambe le giornate trascorreranno con cieli sereni o poco nuvolosi: locali addensamenti potranno registrarsi lungo il settore adriatico dove non sono anche esclusi sporadici piovaschi. I venti saranno deboli, o localmente moderati, ma sempre di maestrale. Le temperature subiranno un leggero aumento con valori nella media stagionale o leggermente sopra: le massime saranno comprese fra 9 e 15 gradi ma farà ancora piuttosto freddo nelle ore notturne e all'alba - attendibilità 90%

DOMENICA Nella prima parte della giornata avremo ancora cieli poco nuvolosi e un clima relativamente mite con massime fino a 14-15 gradi specie sulla Puglia. Dal pomeriggio è invece atteso un debole peggioramento: arriveranno rovesci a macchia di leopardo, specie sul settore adriatico, le temperature caleranno e contestualmente si rafforzeranno i venti di tramontana che soffieranno a tratti anche forti - attendibilità 80%

CAPODANNO Tra il 31 dicembre e l'1 gennaio aria più fredda di origine artica in scorrimento sui Balcani potrebbe in parte riversarsi anche al sud e in particolare su Puglia e Basilicata: se confermata questa dinamica porterebbe un'ulteriore e netta diminuzione delle temperature e forti venti di tramontana-grecale ma precipitazioni piuttosto scarse con neve che potrebbe cadere a quote relativamente basse in collina - attendibilità 50%

meteOne




 

Altri articoli di "Meteo"
Meteo
09/12/2019
 La carta sinottica prevista per le 13 di oggi, ora locale, dal Servizio ...
Meteo
08/12/2019
Domenica mite e ampiamente soleggiata in attesa del nuovo peggioramento all'inizio della ...
Meteo
06/12/2019
Ci attende ancora una giornata uggiosa, con cielo molto nuvoloso e piogge localmente ...
Meteo
05/12/2019
La nuova perturbazione è arrivata al sud determinando un generale peggioramento ...
Insieme al dottor Eugenio Romanello, dermatologo di grande esperienza per le malattie veneree, a Lecce va in pensione ...
clicca qui