Comuni Ricicloni 2018, Lecce premiata: la differenziata al 72%

venerdì 14 dicembre 2018

A Lecce è andato anche il premio speciale Io Sono Legale, assegnato a quelle amministrazioni che conducono un’intensa attività di contrasto al fenomeno del sacchetto selvaggio.

Il rapporto di Legambiente Comuni Ricicloni 2018 premia la città di Lecce e il suo impegno nel campo della raccolta differenziata porta a porta e del contrasto all'abbandono dei rifiuti. Oggi a Bari, infatti, il sindaco Carlo Salvemini e l'assessore all'Ambiente Carlo Mignone hanno ritirato due importanti riconoscimenti. Il Comune di Lecce ha ricevuto il Premio di Seconda Categoria 2018 per aver raggiunto nei primi nove mesi del 2018 una media percentuale di raccolta differenziata superiore al 65%, in linea con l'obiettivo della normativa nazionale. A Lecce è andato anche il premio speciale Io Sono Legale, assegnato a quelle amministrazioni che conducono un’intensa attività di contrasto al fenomeno del sacchetto selvaggio, ossia all’incivile abbandono dei rifiuti nelle campagne e nelle periferie delle città.

“È una grande soddisfazione per tutti noi, che condividiamo con gli uffici dell'Assessorato all'Ambiente, con l'azienda incaricata della raccolta e con quanti cittadini ogni giorno si impegnano, tra le mura domestiche, a differenziare correttamente, per contribuire alla tutela dell'ambiente e ad uno smaltimento dei rifiuti che abbia sempre meno impatti negativi sulla natura – dichiara l'assessore all'Ambiente Carlo Mignone – Considero un riconoscimento speciale quello all'impegno che abbiamo profuso in quest'anno e mezzo per contrastare l'abbandono dei rifiuti per le strade e nelle campagne, associando la repressione del reato con il lavoro di recupero alla corretta contribuzione e al corretto conferimento di quanti sono stati colti in fallo dai controlli o dalle fototrappole: anche questo un lavoro che mi auguro contribuirà ad affermare la cultura del rispetto dell'ambiente e della città tra chi vive a Lecce”.

Per quanto riguarda le altre posizioni, sono 4 i Comuni Rifiuti Free, qualifica assegnata alle amministrazioni che oltre ad aver superato il 65% di raccolta differenziata hanno contenuto la produzione pro capite di secco residuo al di sotto dei 75 kg per abitante all’anno. Sono Rifiuti Free i Comuni di: Bitritto (Ba) con 59 kg/ab/anno; Bitetto (Ba) con 75 kg/ab/anno; Faggiano (Ta) con 72 kg/ab/anno; Roseto Valfortore (Fg) con 74 kg/ab/anno. Quest’ultimo si fregia della qualifica già dalla precedente edizione.

 

Il Premio Comuni Ricicloni è assegnato ai Comuni che raggiungono la media percentuale di raccolta differenziata pari o superiore al 65%, obiettivo fissato dalla normativa nazionale. Nel 2017 i Comuni Ricicloni pugliesi salgono da 31 a 55. Primo in classifica Bitritto (Ba) con l’82% di raccolta differenziata; ex aequo, al secondo posto, Faggiano (Ta) e Turi (Ba) con il 79,5%, mentre Rutigliano (Ba) è al terzo posto con il 79,3%. 27 le new entry rispetto alla precedente edizione: Bitritto; Turi; Binetto (Ba); Bitetto (Ba); Sammichele di Bari (Ba); Carosino (Ta); Sannicandro di Bari (Ba); Palo del Colle (Ba); Motta Montecorvino (Fg); Acquaviva delle Fonti (Ba); Conversano (Ba); Casamassima (Ba); Leverano (Le); Giovinazzo (Ba); Modugno (Ba); Molfetta (Ba); Zapponeta (Fg); Chieuti (Fg); Lizzano (Ta); Adelfia (Ba); Grumo Appula (Ba); Roccaforzata (Ta); San Marco La Catola (Fg); Castelluccio dei Sauri (Fg); Ascoli Satriano (Fg); Biccari (Fg); Volturino (Fg).

 

Barletta e Andria si riconfermano unici Capoluoghi di Provincia Ricicloni, rispettivamente con il 68,1% e il 65% di RD. Lecce compie un balzo in avanti raggiungendo il 72,3% e riceve il Premio di Seconda Categoria, mentre Brindisi con il 55% riceve la Menzione Speciale Teniamoli D’Occhio. Nel 2017 Bari registra il 39,9% di RD; Foggia il 26,5%; Trani il 20,3%; Taranto il 17,2%.

 

Salgono da 25 a 29 i Comuni che si aggiudicano il Premio di Seconda Categoria, assegnato alle Amministrazioni che nei primi 9 mesi del 2018 hanno registrato una media percentuale di RD pari o superiore al 65%, raggiungendo l’obiettivo di legge. Montemesola (Ta) occupa il primo posto con il 76%; seguono Gioia del Colle (Ba) con il 74,9% e Capurso (Ba) con il 74,5% di raccolta differenziata.

(Per tutti i Comuni consultare la classifica di riferimento annessa.)

 

Sono 22 i Comuni che ricevono invece la Menzione Speciale Teniamoli D’Occhio, assegnata alle amministrazioni che nei primi 9 mesi del 2018 hanno registrato una media percentuale di RD pari o superiore al 55%.

Al primo posto Mottola (Ta) con il 63,7% di RD seguono San Donaci (Br) con il 63,4% e Massafra (Ta) con il 63,1% di raccolta differenziata.

 

La Menzione Speciale Start Up contraddistingue le amministrazioni che nel 2018 hanno avviato il sistema di raccolta porta a porta, raggiungendo percentuali significative di RD. La ricevono quest’anno Altamura (Ba), Fragagnano (Ta), Gravina in Puglia (Ba), Pietramontecorvino (Fg), Santeramo in Colle (Ba), Toritto (Ba) e San Cesario di Lecce (Le), in cui la raccolta differenziata è passata in un solo anno dal 19% al 75%, risultato conseguito dall’assessore all’Ambiente Rino Marzo.

 

Restano 35 i Comuni definiti Gli Indifferenti, le amministrazioni che nel 2017 non hanno raggiunto il 10% di RD o non hanno effettuato alcuna registrazione sul Portale Ambientale della Regione Puglia.

 

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
18/03/2019
La denuncia arriva dopo il controllo di una pattuglia dei ...
Ambiente
16/03/2019
Critico il sindaco di Melendugno, Marco Potì: ...
Ambiente
15/03/2019
Presentate a Palazzo Adorno le iniziative promosso dalla ...
Ambiente
15/03/2019
Da martedì sarà adottata un’apposita ...
La tomografia computerizzata coronarica ha fatto molti passi in avanti, ma il problema è affidarsi a macchinari ...
clicca qui