"Fili della trasmissione": creatività, ingegno e storie di donne nel convegno internazionale

domenica 9 dicembre 2018

Due giorni, tra Lecce e Casamassella, per il convegno internazionale dal titolo “Fili della trasmissione. Una genealogia femminile nella famiglia De Viti De Marco – Starace”.  

Una storia centenaria che parla di donne, di creatività e ingegno: c’è questo nel convegno internazionale dal titolo “Fili della trasmissione. Una genealogia femminile nella famiglia De Viti De Marco – Starace” che si terrà venerdì 14 e sabato 15 dicembre, tra la Biblioteca Nicola Bernardini sala del Teatrino Piazza Carducci a Lecce e la fondazione Le Costantine a Casamassella, frazione di Uggiano La Chiesa.

Un appuntamento che vede la collaborazione dell’assessorato alla cultura della Regione Puglia, dell’Università del Salento, del Dipartimento della Storia società degli studi sull’uomo, del Centro studi Osservatorio donna, della Fondazione Le Costantine: si parte venerdì 14, alle 9, a Lecce, con i saluti istituzionali del direttore del Dipartimento di Storia Società e Studi sull’uomo, Fabio Pollice, e dell’assessore regionale, Loredana Capone. A seguire una serie di interventi in più sessioni di approfondimento che proseguiranno fino in serata, con l’anteprima della mostra “Le anime del tessile. Dalle scuole di Casamassella a Le Costantine” a cura di Elena Laurenzi e Brizia Minerva.

Nella seconda giornata, ci si sposta a Casamassella dove, dopo i saluti istituzionali alle 10.30 della presidente della fondazione Le Costantine Maria Cristina Rizzo e della consigliera nazionale di parità Serenella Molendini, si passerà alla presentazione dell’archivio Carolina De Viti De Marco e Giulia Starace a cura di Elena Laurenzi, Gabriele Malinconico, Manuela Mosca e successivamente alla visita guidata della Fondazione.  

È propria la presidente de Le Costantine Rizzo a spiegare come dietro a questo appuntamento ci sia “il lavoro straordinario di Elena Laurenzi che per tre anni ha ri-tessuto la trama di questa storia centenaria scritta a più mani dalle nostre nobildonne: Carolina De Viti De Marco, la cognata americana Etta, moglie di Antonio De Viti De Marco, Lucia e Giulia Starace, figlie di Carolina (Giulia è stata la fondatrice della Fondazione Le Costantine), Lucia De Viti De Marco, figlia di Antonio ed Etta (che alla Fondazione ha lasciato tutti i suoi beni)”.

“E poi – aggiunge Rizzo - ci siamo noi, nuova generazione della Fondazione, che quella trama continuiamo a tesserla ogni giorno. Una storia di donne che testimonia l'operosità, la creatività, l'ingegno, l'impegno e la tenacia tutta femminile. Ed io, che questa storia ho contribuito a scriverla negli ultimi vent'anni, ringrazio, riconoscente, Elena Laurenzi e saluto questo lavoro con il cuore colmo d'orgoglio, con la consapevolezza di consegnare al mio Salento un pezzo di storia delle sue donne che vale la pena raccontare”.

Nella gallery il programma completo del convegno. 

Altri articoli di "Luoghi"
Luoghi
16/01/2019
Zero foschia e una visibilità perfetta. Le cime ...
Luoghi
05/01/2019
A Novoli, il 6 gennaio alle ore 18.30, l’intronizzazione del simulacro di ...
Luoghi
30/12/2018
Antonello Venditti in concerto il 30 dicembre a ...
Luoghi
26/12/2018
Domani il primo open day organizzato e gestito ...
In ogni fase della crescita di un bambino il gioco è fondamentale: il contatto con mamma e papà, le ...
clicca qui