Liverani si tiene il punto: "Partita bella con un Perugia fortissimo"

domenica 9 dicembre 2018

Il tecnico sottolinea pregi e difetti dei suoi: "Bravi a tenere il campo, ci sono mancati inserimenti e abilità nel bloccare le loro ripartenze".

Un pareggio da tenersi stretto quello con il Perugia per il tecnico del Lecce Fabio Liverani, che nel post partita ha commentato il match pareggiato a reti bianche.

Il tecnico è consapevole di aver sofferto contro una delle compagini più in palla del campionato: “Per qualità di gioco abbiamo affrontato la miglior squadra vista finora. Non avevo dubbi che avremmo affrontato una squadra forte, di grande qualità, e che sarebbe stata una gara difficile. Abbiamo sofferto e credo che abbiamo fatto bene. Potevamo andare in vantaggio noi con Mancosu, poi c’è stata la doppia opportunità loro su cui è stato decisivo Vigorito. Ci teniamo questo punto, e anche se è arrivato con uno 0-0 credo la gente si sia divertita”.

Ci sono state comunque diverse cose che non hanno girato al meglio tra i giallorossi: “Ho scelto Palombi per giocare con due attaccanti veloci. Siamo mancati un po’ negli inserimenti con Mancosu e con le due mezzali, anche se la principale bravura è stata dei nostri avversari che hanno tenuto i quattro bloccati dietro. Per queste ragioni è stata una gara molto equilibrata, che credo solo un episodio avrebbe potuto cambiare. Abbiamo sofferto le ripartenze da nostre situazioni da fermo, e questo dispiace perché lo avevamo preparato a lungo. Calderoni? E’ rimasto fuori per un problema muscolare all’obliquo”.

Fonte: Salentosport.net 

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
18/03/2019
Sui singoli: "Calderoni, un errore che può capitare. Petriccione? Cambiato ...
Calcio
17/03/2019
Poteva essere un colpaccio esterno trionfale e importante in chiave promozione per ...
Calcio
14/03/2019
In occasione dei prossimi tre impegni consecutivi al Via ...
Calcio
12/03/2019
La società giallorossa, in una nota, esprime vicinanza e solidarietà alla ...
Uno studio multicentrico pubblicato ieri sulla rivista ‘The New England Journal of ...
clicca qui