Il Salento su Rai1: a "La prova del cuoco" la chef Antonella Ricci

giovedì 6 dicembre 2018

Ultimi giorni da giurata per la chef stellata del ristorante "Al fornello" di Ceglie Messapica.

Natale alle porte, si inizierà parlando di cavolfiore con la ricetta dello chef astigiano Diego Bongiovanni che preparerà un gustoso cotechino al vino rosso con purè di cavolfiori e noci.

Con lui ci sarà il tecnico agrario Sonia Donati da Firenze, che svelerà tutte le proprietà di questo sorprendente ortaggio.

Nel “duello all’italiana” di mezzogiorno gli chef Claudio Favale da Bari e Stefano Pinciaroli da Firenze si sfideranno nella rivisitazione di un piatto tipico della cucina pugliese: orecchiette alle cime di rapa.

Per la rubrica “cucina mia” la cuoca bolognese Alessandra Spisni preparerà un grande classico della cucina emiliana: le lasagne alla bolognese.

Spazio anche alla creatività del maestro pizzaiolo romano Marco Rufini, che sfornerà una ghiottissima pizza ispirata ad una espressione del dialetto romanesco: “te dico fermete”.

“Manche” decisiva per i nuovi protagonisti della prova del cuoco: i concorrenti Guido Nicole’ da Venezia e Alessia D’Emma da Salerno se la giocheranno a suon di menù, affiancati dagli chef, Umberto Vezzoli da Brescia e Riccardo Facchini da Bologna.

A giudicarli la chef stellata Antonella Ricci, la critica gastronomica Laura Mantovano e - “giurato per un giorno” – il conduttore televisivo Osvaldo Bevilacqua.

 

Tornerà immancabile il “borsino” della spesa” di mr. Prezzo, Claudio Guerrini, con il suo report delle quotazioni del giorno dai banchi del “mercato Albinelli” di Modena.

Altri articoli di "Tv/Radio"
Tv/Radio
19/04/2019
L'inviato Pinuccio sul caso della struttura sanitaria in costruzione da ...
Tv/Radio
18/04/2019
Il servizio è andato in onda ieri sera, nel corso ...
Tv/Radio
10/04/2019
In onda ieri sera su Rai1 l'ultima puntata di ...
Tv/Radio
09/04/2019
Questa sera alle 21.25 l'ultima puntata del programma condotto da Alberto Angela. ...
Le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità confermano quello che già sapevamo, ma ...
clicca qui