L'organo meccanico del conservatorio torna a suonare dopo il restauro: al via la stagione concertistica

lunedì 26 novembre 2018

Appuntamento lunedì 26 novembre alle 19, con la solenne benedizione dell'arcivescovo Michele Seccia. Intervento di Francesco Zanin – autore del restauro.

La solenne benedizione dell'Arcivescovo di Lecce Michele Seccia sancirà l’inizio della stagione concertistica 2018/19 del Conservatorio Tito Schipa, con l’inaugurazione del restauro dell'organo meccanico Tamburini-Zanin. Appuntamento lunedì 26 novembre alle 19 presso la cavea del Conservatorio, in via Ciardo a Lecce, con la cerimonia di benedizione che dà il via alla nuova stagione concertistica con concerto di Antonio Rizzato - organo, Coro del Conservatorio diretto da Francesco Muolo. Con musiche di L.v. Beethoven, G. De Ruvo, F. Muolo, J.S. Bach, G.F.Haendel.ì

L’organo meccanico a tre tastiere e 45 registri di Tamburini è situato nella cavea del Conservatorio di Musica “Tito Schipa” di Lecce. È stato costruito negli anni Ottanta e da allora non è mai stato fatto un adeguato restauro, fino a oggi. La ditta del Cav. Francesco Zanin di Codroipo (UD) lo ha eseguito con maestria: l’organaro ha scollegato i vecchi centralini elettromeccanici e li ha sostituiti con nuovi centralini elettronici, fornendo un display con 30 mila combinazioni. Ha inoltre fornito lo strumento di un impianto di illuminazione moderno; diverse canne di facciata che presentavano visibili ammaccature sono state restaurate e ripulite. 

Infine, si è passati alla riaccordatura dello strumento.

Ingresso libero

 

Altri articoli di "Musica"
Musica
22/05/2019
Il 24, 25 e 26 maggio la IX Edizione Premio Speciale ...
Musica
13/05/2019
Al mega party itinerante per le spiagge italiane di Jovanotti, in programma il 6 luglio, ...
Musica
12/05/2019
Dopo la partecipazione al Concertone del Primo Maggio in Piazza San Giovanni a Roma, La ...
Musica
10/05/2019
Esce oggi nelle radio e sulle principali piattaforme streaming il nuovo lavoro dei Sud ...
Il 26 maggio sarà la “Giornata del sollievo”: un’occasione utilissima per approfondire ...
clicca qui