Comdata chiarisce: “Normale conclusione dei rapporti di lavoro stagionali”

mercoledì 7 novembre 2018
L'azienda sottolinea che la scelta di tutti gli operatori del mercato dei call center di operare anche con rapporti di lavoro in somministrazione è legata alle caratteristiche tipiche del settore.

La chiusura del trattamento di rapporto di lavoro con 180 operatori stagionali è stata un normale fonomeno di stagionalità. Lo conferma, in un comunicato, il provider nazionale, su quanto accaduto al Contact Center di Lecce.

La filiale leccese occupa oggi circa 1300 lavoratori con contratto di lavoro a tempo indeterminato che hanno iniziato la loro collaborazione con il gruppo attraverso contratti di somministrazione: “Negli ultimi 3 anni, sono stati stabilizzati oltre 350 lavoratori cui si aggiungeranno ulteriori 120 lavoratori che saranno assunti a tempi indeterminato entro la fine dell’anno attingendo al bacino degli attuali lavoratori in somministrazione di cui 40 che hanno cessato la collaborazione nei mesi scorsi”.

Comdata sottolinea che la scelta di tutti gli operatori del mercato dei call center di operare anche con rapporti di lavoro in somministrazione è legata alle caratteristiche tipiche del settore che presenta grande variabilità dei flussi di chiamate nel tempo accentuata da specifici fenomeni di stagionalità: “Nello specifico di Comdata sul sito di Lecce i fenomeni della stagionalità hanno portato a non confermare, alla scadenza prevista e comunicata, di 188 lavoratori”

Altri articoli di "Economia e lavoro"
Economia e lavoro
19/01/2019
Nuovo direttore della Coldiretti di Lecce. Si tratta di Francesco Manzari che raccoglie ...
Economia e lavoro
18/01/2019
Attesa per le mosse del Comune: senza una soluzione, ...
Economia e lavoro
18/01/2019
Ennesimo furto di ulivi secolari in Puglia. La denuncia di ...
Economia e lavoro
17/01/2019
Si conferma il trend di crescita: secondo Istat in un anno ...
In questi giorni alcune testate giornalistiche stanno dando molto spazio alle “linee guida per i maschi” ...
clicca qui