Una targa per ricordare Gimmi Manni, l'autista soccorritore morto sul lavoro

martedì 23 ottobre 2018

Nell’ospedale di Gallipoli, questa mattina una cerimonia commemorativa e una targa.

Gimmi Manni, autista soccorritore del 118, se n’è andato esattamente un anno fa, strappato all’affetto dei suoi cari e dei colleghi da un tragico incidente stradale in cui rimase vittima anche un paziente trasportato in ambulanza.

Stamattina, nell’ospedale di Gallipoli, medici, infermieri, operatori e amici hanno voluto ricordare Gimmi Manni, stringendosi attorno al figlio e alla compagna. Il cappellano don Marcello Spada ha celebrato una messa e, al termine, il direttore medico dell’ospedale, Egidio Dell’Angelo Custode, ha scoperto una targa commemorativa assieme al sindaco di Taviano e al direttore amministrativo del “Sacro Cuore”, Annamaria Paolini.

Una cerimonia semplice per onorare la memoria dell’autista del 118, proprio nella sala d’attesa del Pronto Soccorso che, per tanti anni, lo ha visto impegnato nel suo delicato lavoro quotidiano e che, da oggi, porterà il suo nome.

 

 

 

Altri articoli di "Sanità"
Sanità
16/10/2019
Nell’audizione in commissione regionale di studio e ...
Sanità
15/10/2019
Evento itinerante nei Comuni organizzato dall' Asl di ...
Sanità
14/10/2019
Il progetto nato nel 2011 coinvolge gli alunni delle scuole ...
Sanità
11/10/2019
 La denuncia del consigliere regionale pentastellato ...
Il piede torto congenito è una malformazione di ossa e articolazioni che colpisce uno o due neonati su mille: ...
clicca qui