L'area addestrativa torna alla città: a Santa Rosa nasce il parco più grande della città

giovedì 11 ottobre 2018
Oggi il passaggio di consegne tra la Scuola di Cavalleria e il Comune. 

Con i loro oltre 11 ettari di verde, il campo Montefusco e l'area addestrativa “Santa Rosa” diventeranno il parco più grande della città. La consegna delle “chiavi” tra la Scuola di Cavalleria dell'Esercito e il Comune è avvenuta questa mattina alla presenza del sindaco di Lecce Carlo Salvemini e del comandante della Scuola di Cavalleria generale di brigata Angelo Minelli.
L'area di proprietà comunale, era stata acquistata dal Comune di Lecce nel 1913 insieme al suolo su cui ora sorge la caserma Pico ed era stata concessa l'anno dopo all'Amministrazione Militare a titolo gratuito per l'utilizzo come piazza d'armi. Il 25 maggio del 1914 l'allora sindaco di Lecce Egidio Aprile consegnò l'allora fondo “Salvazione” in contrada Santa Rosa all'esercito che nei decenni successivi l'ha utilizzata per l'addestramento dei soldati e la preparazione sportiva degli atleti militari. Con la firma di oggi il terreno torna ai cittadini leccesi: l'area addestrativa Santa Rosa sarà accorpata all'esistente Campo Montefusco e dopo alcuni interventi di manutenzione diventerà il parco verde più grande del capoluogo.
L'8 marzo scorso il Comune aveva avanzato istanza di restituzione dell'area trovando subito una risposta positiva da parte della Scuola di Cavalleria e dello Stato Maggiore dell'Esercito, reparto Infrastrutture. Un lavoro corale terminato nelle scorse settimane che rafforza la piena condivisione di spazi e obiettivi tra la Scuola di Cavalleria e il Comune di Lecce.

Altri articoli di "Luoghi"
Luoghi
14/10/2018
La cerimonia si è tenuta oggi presso le Officine Cantelmo: ultimo passaggio del ...
Luoghi
11/10/2018
Domenica 14 ottobre escursione e degustazione con i ...
Luoghi
10/10/2018
A Castelforte, nascosto nella serra di Taviano, c'è un luogo poco conosciuto e ...
Luoghi
28/09/2018
Fine settimana all’insegna dell’arte e della ...
Elenchi non aggiornati nelle Asl e le lettere di convocazione per lo screening mammografico non arrivano: polemica in ...
clicca qui