“Io c’ero”: a Maglie quarant’anni di storia narrati dal pittore Francesco Milone

domenica 30 settembre 2018

La mostra è visitabile presso al Galleria “Capece” e resterà aperta fino al 6 ottobre prossimo.

Da un grande splendido quadro dedicato ad Aldo Moro, che l’artista ha donato alla fondazione “Capece”, a una lunga raffinata sequenza di immagini raffiguranti magistralmente la storia dal 1950 al 1989, anno della caduta del muro di Berlino.

È questo il fil rouge della mostra in esposizione presso la galleria “Capece” di Maglie in Piazza Aldo Moro e aperta al pubblico fino al 6 ottobre realizzata dal pittore romano, Francesco Milone.

La storia inizia con il piano di urbanizzazione del dopoguerra con il contributo economico-finanziario da parte degli Stati Uniti attraverso il cosiddetto piano Marshall.

Le immagini del 1950 mostrano la celebre macchina meccanica per scrivere ‘lettera 22’ della Olivetti e proseguono con Fausto Coppi, le prime trasmissioni Rai, Elvis Presley, la Fiat 500. Uno splendido omaggio a Totò e a Garinei e Giovannini e poi a Walt Disney. Segue la grande olimpiade di Roma, Diabolik, Marylin Monroe che fu legata in qualche modo alla storia tragica del Presidente Kennedy. La crisi di Cuba, la 32* Biennale di Venezia che sdoganò la Pop Arte. Cassius Clay, la guerra dei sei giorni e poi Che Guevara, il primo trapianto di cuore, il ‘68, la conquista della Luna e Woodstok chiudono assieme ai favolosi Beatls gli anni sessanta.

Gli anni ‘70 iniziano con la grande partita Italia Germania e raccontano a tinte forti alcuni fatti accaduti nei cosiddetti anni di piombo compreso l’assassinio politico di Aldo Moro e la strage di Bologna. Gli anni ‘80 vengono raffigurati come anni che hanno segnato il tramonto dell’Europa dell’Est i cui primi scricchiolii si fecero sentire proprio dopo la prima visita di Papa Giovanni Paolo II in Polonia, anch’esso raffigurato in una delle splendide tavole. Non manca la descrizione dell’assassinio del Generale Dalla Chiesa, il ritratto di Enzo Ferrari, di Picasso, della Callas e dei bronzi di Riace. Tra le ultime tavole emerge magistralmente il disastro nella centrale nucleare di Cernobyl e la protesta di piazza Tienanmen a Pechino.

 

Altri articoli di "Eventi"
Eventi
11/12/2018
Appuntamento sabato 15 dicembre nella Cappella del Vito ...
Eventi
10/12/2018
In mostra dal 1° dicembre al 6 gennaio a Scorrano. ...
Eventi
09/12/2018
Appuntamento con Fulvio Palese Quintet, organizzato dall’associazione Serena Cuore ...
Eventi
08/12/2018
Il trapper era atteso alla Feltrinelli di via Templari giovedì ...
L’Organizzazione Mondiale della Sanità avvisa: l’abuso di antibiotici ha prodotto ceppi di batteri ...
clicca qui