Lutto nazionale per la tragedia di Genova, il cordoglio di Lecce e Nardò

venerdì 17 agosto 2018

Sia il Comune di Lecce che quello di Nardò esprimono domani vicinanza alle famiglie con un minuto di silenzio e le bandiere a mezz’asta.

La città di Lecce si unisce alla giornata di lutto nazionale, proclamata per domani sabato 18 agosto a Genova alle ore 11.30 in occasione dei funerali delle vittime del crollo del Ponte Morandi.

Il Comune invita tutti i cittadini ad osservare un minuto di silenzio per esprimere cordoglio per le numerose vittime e vicinanza ai loro familiari e a coloro che lavorano incessantemente da giorni per prestare soccorso e aiuto.

Già dallo scorso lunedì sulla facciata di Palazzo Carafa sono state esposte a mezz'asta le tre bandiere nazionale, europea e comunale in segno di partecipazione al dolore e al lutto che ha colpito l'intero Paese. La voce di Tito Schipa, che risuona a mezzogiorno nella Piazza centrale, si fermerà per la giornata di domani. L'Amministrazione comunale chiederà agli organizzatori del concerto di Coez, previsto in Piazza Libertini, e agli organizzatori del concerto dell'associazione musicale Maestro Rocco Quarta di Monteroni, previsto a Frigole, di coinvolgere il pubblico presente osservando un minuto di silenzio all'inizio dei rispettivi spettacoli.

Anche a Nardò, la comunità si stringe attorno alle famiglie delle vittime. Domani il Comune terrà a mezz’asta a Palazzo di Città la bandiera italiana e quella dell'Unione Europea. Il sindaco Pippi Mellone e il presidente del consiglio comunale Andrea Giuranna hanno dato disposizioni in questo senso per l’esposizione delle bandiere già da questa sera.

“La comunità neretina - dice il presidente Andrea Giuranna - si stringe idealmente attorno alle famiglie delle tante vittime e a tutti i genovesi, colpiti profondamente da questa tragedia. Con la speranza, che è quella dell'intero popolo italiano, che questa vicenda serva da monito al Paese a non affrontare con superficialità il tema della sicurezza e a non dimenticare che gli italiani, come ha ricordato il presidente Mattarella, hanno diritto a infrastrutture moderne ed efficienti”.  

Altri articoli di "Politica"
Politica
24/09/2018
Seduta di consiglio dedicata alla discussione di ...
Politica
24/09/2018
Il presidente Gabellone scongiura l’arrivo del ...
Politica
24/09/2018
Le voci di una prossima candidatura del deputato di Noi con l'Italia nelle fila di ...
Politica
23/09/2018
Il capogruppo consiliare di Fratelli d’Italia punta ...
Intervista al medico virologo del San Raffaele, nemico dei "No vax". “Negli anni ‘60 morivano ...
clicca qui