San Lorenzo, vietati falò e picnic in spiaggia: controlli severi per la notte delle stelle

giovedì 9 agosto 2018

Il divieto è espresso nell'ordinanza balneare 2018 del dirigente del Servizio Demanio Costiero e Portuale della Regione Puglia.

Niente falò notturni e pic-nic in spiaggia: controlli più severi sul litorale leccese in occasione della notte di San Lorenzo. L'assessorato all'Ambiente del Comune di Lecce ricorda ai cittadini che è vietato accendere fuochi sulle spiagge. Il divieto è espresso all'articolo 3 dell'ordinanza balneare 2018 del dirigente del Servizio Demanio Costiero e Portuale della Regione Puglia. Sulle aree demaniali marittime della costa pugliese è vietato – si legge nell'ordinanza - “accendere fuochi o fare uso di fornelli ed allestire pic-nic con tavolini e sedie in aree non allo scopo riservate”. Si invitano dunque i cittadini al rispetto dell'ordinanza, ricordando che le violazioni della stessa comportano sanzioni pecuniarie. Gli agenti della Polizia Locale e la Capitaneria di Porto saranno impegnati nei controlli sulle spiagge del litorale leccese per assicurare il rispetto dell'ordinanza. 

“I fuochi in spiaggia comportano delle ricadute ambientali significative per il litorale, oltre a rappresentare, a causa dei tizzoni ardenti, un pericolo anche per i bagnanti che il giorno dopo si recano al mare – dichiara l'assessore all'Ambiente Carlo Mignone – Mi appello dunque al buon senso dei cittadini perché scelgano di trascorrere la notte di San Lorenzo in modo sostenibile, sano e senza rischiare di provocare danni all'ambiente o agli altri”.  

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
21/11/2018
Gli ingegneri nominati dal gip hanno concluso che il gasdotto e la rete gas Snam alla ...
Ambiente
19/11/2018
Il ministro delle Infrastrutture ospite ieri di ...
Ambiente
19/11/2018
Dopo Portoselvaggio anche l’Amp ottiene la Carta ...
Ambiente
19/11/2018
L’appuntamento è per mercoledì 21 novembre alle 18.30 nel castello ...
Oltre 130 specialisti provenienti da 21 Paesi si riuniscono il 23 novembre in Italia. Ci sono malattie rare della ...
clicca qui