Street Art e Graffiti, approvati gli spazi utili per i writers

lunedì 16 luglio 2018

La giunta di Nardò ha approvato una lista di cinque luoghi da destinare alla creatività dei writers.

Cinque spazi della città da destinare alla creatività di graffitari, writers e street artist e, in generale, di tutti coloro che rendono disegni, murales e scritte sui muri vere e proprie espressioni artistiche. La Giunta di Palazzo Personè, infatti, ha approvato la lista dei cinque luoghi, prevista dall’apposito regolamento approvato dal Consiglio comunale ad ottobre scorso. Si tratta della recinzione su via Betti e via Bellini della scuola di via Bellini, del muro esterno di via Santa Maria del Ponte e via Rubichi dello stadio Giovanni Paolo II, della recinzione del campetto di calcio di via Deledda (zona Penta), della recinzione di via XX Settembre e via Falcone degli uffici comunali (ex tribunale) e dei muri esterni di via Foggia, via Tasso e via Bologna della scuola di via Bologna.

Saranno ora istruite le procedure per la scelta dei writers che potranno accedere agli spazi e esprimere la loro creatività e la loro arte. Il regolamento disciplina proprio le attività riguardanti il graffitismo e la street art in genere, la realizzazione di disegni, murales, scritte effettuati con qualunque tecnica grafica (pittura, spray, sticker, poster, ecc.) su spazi di proprietà del Comune di Nardò o messi a disposizione da soggetti privati o altri soggetti pubblici. L’obiettivo è quello di riconoscere un fenomeno molto diffuso, soprattutto tra i giovani, “legalizzare” (nei modi e nelle misure previste) e incentivare quella che è una moderna espressione creativa e culturale e, infine, contrastare azioni e gesti di tipo vandalico. Naturalmente contribuendo a migliorare lo stato delle periferie e degli spazi urbani.

“Con l’individuazione di questi spazi - commenta l’assessore all’Urbanistica e alla Cultura Ettore Tollemeto - contiamo, da un lato, di ridare colore e vita a luoghi grigi o dimenticati della nostra città e quindi di riqualificarli, dall’altro, di offrire agli artisti della street art e ai writers la possibilità di esprimersi in maniera assolutamente lecita. Non escludo che l’elenco di spazi utili possa allungarsi, anche contando sulla disponibilità di qualche privato. Da parte mia faccio un invito agli artisti a prendere visione degli spazi e a presentare idee e proposte”.

 “È un altro passo in avanti - spiega il consigliere Gianluca Fedele - per questa strategia di utilizzare l’arte per riqualificare gli spazi della città. Ci sono molti artisti che chiedono di poter utilizzare spazi per esprimersi e “liberare” la propria creatività, che - è bene ricordarlo - ha cambiato la faccia di molte città in Italia e nel mondo. Di questa iniziativa siamo debitori ai ragazzi di Andare Oltre”.

 immagine repertorio

Altri articoli di "Arte e archeologia"
Arte e archeologi..
08/10/2018
L’iniziativa ha coinvolto l’artista ‘Checkos’Art’ che ...
Arte e archeologi..
07/10/2018
Nell’ottobre del 1932, tre pescatori di Porto ...
Arte e archeologi..
28/09/2018
Gli archeologi di Unisalento hanno portato alla luce tre ...
Arte e archeologi..
21/09/2018
La Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio ...
 L’intervista al dottor Mangia sulle malattie dell’apparato cardiovascolare. Le malattie ...
clicca qui