L’attacco di Grillo: “Bufala Xylella”, ma i lettori lo criticano: “Salento distrutto dai complotti”

lunedì 2 luglio 2018

Sul blog ospitato il contributo di Petra Reski che cerca di smontare l’origine del disseccamento.

“La Xylella fastidiosa è una gigantesca bufala, fabbricata ad arte dalla destra e sinistra, con il prezioso sostegno delle associazioni di categorie, da scienziati disponibili e multinazionali dell’agricoltura. Grazie a Petra Reski e a tutto il suo impegno. Leggete e condividete, la verità non deve essere taciuta”. È questo il commento di Beppe Grillo all’articolo di Petra Reski che smentisce il collegamento tra CoDiRo e Xylella, accusando anche i giornali locali di aver fatto propaganda ad arte: “Il credo è indispensabile, visto che gli artefici della bufala della Xylella non sono mai stati in grado di fornire una verità – una briciola di prova scientifica per le loro affermazioni. Per questo i media hanno avuto dall’inizio un ruolo fondamentale: Tutto è partito dai due maggiori quotidiani locali: la Gazzetta del mezzogiorno e il Quotidiano di Lecce poi le bufale continuano il loro viaggio tramite RepubblicaCorriereLaStampa per arrivare alla fine anche alla rivista americana Nature. Per poi magari essere preso e diffusa in copia&incolla come fonte affidabile da qualche giornalista sottopagato”.

Ma l’atteggiamento di Grillo che se la prende con gli scienziati ha suscitato un vespaio di polemiche, in particolare sui social, dove i commenti sono stati molto critici con l’ultima uscita del comico genovese accusato di terrorismo mediatico.

Erio Congedo, consigliere regionale Fratelli d'Italia Puglia: 
"Chissà cosa pensano i rappresentanti territoriali del M5s pugliese di quanto affermato oggi dal loro mentore Beppe Grillo "Affaire xylella, gigantesca bufala fabbricata ad arte dalla destra e sinistra, con il prezioso sostegno delle associazioni di categorie, da scienziati disponibili e multinazionali dell’agricoltura". Se uno dei più critici disastri ambientali pugliesi, che ha non solo messo in ginocchio gli agricoltori ma anche compromesso il patrimonio paesaggistico del tacco d'Italia, viene ascritto ad una banale fake new costruita dalla politica per chissà quali cause e quali interessi, allora siamo alla distorsione della realtà. E'l'ennesimo tentativo di manipolare l'opinione pubblica contro il sistema politico che, a differenza di quanto questi sostengono, finora ha contribuito a fare l'Italia. Chiedo ai miei colleghi di riportare alla lucidità questi uomini, di non abbassare i riflettori su un problema che ha già visto errori a più livelli, e chiedo loro di invitare la loro squadra politica nazionale in Puglia per toccare visivamente e con mano la gravità di ciò che per qualcuno è solamente una bufala. 

 

 
Altri articoli di "Web e Social"
Web e Social
18/07/2018
La "Bari" riparte dalla serie D, e i tifosi ...
Web e Social
13/07/2018
Il comandante della Polizia Locale di Meledugno aveva ...
Web e Social
29/06/2018
Dopo l’uscita lo scorso 15 giugno del nuovo brano del gruppo salentino, arriva ...
Web e Social
28/06/2018
Il singolo anticipa l'uscita del nuovo album frutto del ...
Il professor Mauro Minelli: “Chi nasce da parto cesareo può avere un microbiota non perfettamente ...
clicca qui