Via Cavallotti, Giordano contro l’amministrazione: “Dilettanti allo sbaraglio navigano a vista”

giovedì 14 giugno 2018

Il capogruppo di Fratelli d’Italia critico sulla gestione della mobilità da parte dell’amministrazione Salvemini.

Il capogruppo di Fratelli d’Italia a Palazzo Carafa, Michele Giordano, torna a criticare l’amministrazione Salvemini, riferendosi alla gestione della mobilità di via Cavallotti a Lecce: “Ci risiamo – dichiara -, ancora una volta l’amministrazione Salvemini va avanti come un caterpillar devastando la mobilità a Lecce, senza studiare un sistema che renda meno traumatico l’impatto”.

“Questa volta – prosegue - tocca a via Cavallotti: gli amministratori, oltre ad aver pensato a un traumatico doppio senso di marcia, scelgono di autorizzare i lavori Aqp in pieno giorno paralizzando tutto il traffico su quella strada. Nelle altre città, incluse metropoli come Roma, i lavori si fanno a piccoli passi nella notte, senza bloccare l’arteria più importante, che collega il centro commerciale a quello storico”.

Per Giordano, “è ormai chiaro a tutti che gli attuali amministratori, presi dall’ansia di dimostrare di essere diversi da chi li ha preceduti, si stanno rivelando autentici dilettanti allo sbaraglio, che navigano a vista su tutto. L’annuncio dell’inversione di marcia della corsia interna di via Cavallotti è stato fatto a maggio, dopo qualche giorno per un lungo tratto non si va più in nessun senso di marcia. I lavori dell’Acquedotto in pieno giorno bloccano tutto e sarà così per molto tempo ancora. Ad ogni modo, a parte i lavori AQP, con il doppio senso si creano dei tappi di traffico insostenibili, soprattutto all’uscita della scuola Cesare Battisti: le vie limitrofe pagano il dazio di queste scelte”.

“Quello di Salvemini – evidenzia - è un piano traffico per inquinare di più, se pensiamo che Viale Lo Re raccoglie tutti i danni del doppio senso di via Cavallotti con il traffico che è aumentato in maniera esponenziale. Siamo all’improvvisazione pura, basta pensare a quello che succede in via Paisiello, dove a distanza di pochissimo tempo si sono messi dei sensi vietati prima in un senso e poi nell’altro disorientando totalmente i fruitori di quelle vie”.

“Cambiare tanto per far vedere che si cambia – conclude Giordano - sta diventando una nevrosi troppo dura da digerire per i cittadini che ogni giorno subiscono scelte frettolose e prive di una visione complessiva della mobilità leccese”.

 

Altri articoli di "Lecce"
Lecce
15/08/2018
Si stanno moltiplicando le zone della provincia salentina ...
Lecce
15/08/2018
Nota ufficiale della società giallorossa che ...
Lecce
15/08/2018
La saccatura di origine nord-atlantica, seppur nettamente indebolita, ha ormai fatto il ...
Lecce
14/08/2018
La saccatura nord-atlantica è in movimento verso sud-est, con rovesci e temporali ...
L’amnesia dissociativa transitoria fa dimenticare i bimbi in auto: un altro morto in Spagna. La psicoterapeuta ...
clicca qui