"900 in Italia. Da De Chirico a Fontana": a Otranto in mostra i maestri del secolo scorso

lunedì 4 giugno 2018
Dal 14 giugno al 21 ottobre nel Castello Aragonese di Otranto. Inaugurazione (ingresso gratuito) il 14 giugno, ore 19.30.

Apre a Otranto la grande mostra ‘900 in Italia. Da De Chirico a Fontana. Attraverso l’esposizione di oltre quaranta opere, alcune delle quali inedite, di maestri quali Renato Guttuso, Mario Schifano, Mimmo Rotella, Jannis Kounellis, Fausto Melotti, Achille Perillie Michelangelo Pistoletto, offre una ricognizione sulla storia dell’arte del secolo scorso. 
Organizzata dal Comune di Otranto e Theutra, la mostra curata da Luca Barsi e Lorenzo Madaro si propone di indagare un secolo straordinario per l’arte e la cultura italiana nelle sue declinazioni più sofisticate, dalla Metafisica all’astrazione di Forma 1, dall’Informale alla Pop Art, dall’Arte Povera alla Transavanguardia, ovvero i maggiori movimenti che hanno costellato il secolo scorso, anche nel contesto internazionale. 

Artisti storicizzati, protagonisti delle pagine più significative della storia dell’arte nazionale e internazionale, hanno contribuito alle grandi rivoluzioni artistiche del XX secolo e alla storia delle immagini e della forma, attraverso ricerche sperimentali, idee pionieristiche e relazioni intellettuali con poeti, scrittori e musicisti, all’insegna di un dialogo fervido indirizzato alla costruzione di quell’immaginario sfaccettato che è il ‘900 nella sua totalità.

Le sale espositive del Castello Aragonese saranno così al centro di un ambizioso progetto espositivo, composto da singole sezioni, in cui saranno raccolti nuclei specifici di opere legate tra loro da connessioni intellettuali, visive e quindi non soltanto cronologiche. Il progetto allestitivo, curato dagli architetti Francesca Fiore e Lorenzo Spagnolo, si propone di essere fruito da un vasto pubblico di non addetti ai lavori, perciò al suo interno ospiterà anche un ampio e fruibile apparato didattico che consentirà a tutti i visitatori (anche attraverso video e materiali multimediali) di immergersi nelle opere (e nelle biografie dei rispettivi autori, redatte dagli studenti del corso di Storia e metodologia della critica d’arte, prof. L. Madaro, dell’Accademia di Belle Arti di Lecce) con più consapevolezza. 

La mostra sarà accompagnata da una pubblicazione – progettata, così come il resto della comunicazione visiva, da Giorgio Casciaro –, che sarà disponibile nel bookshop del castello, e sarà al centro di una programmazione di visite guidate e attività collaterali.  

Gli artisti protagonisti del progetto espositivo 

Carla Accardi, Franco Angeli, Giacomo Balla, Agostino Bonalumi, Massimo Campigli, Carlo Carrà, Felice Casorati, Bruno Cassinari, Enrico Castellani, Sandro Chia, Roberto Crippa, Enzo Cucchi, Giorgio De Chirico, Nicola De Maria, Filippo De Pisis, Piero Dorazio, Tano Festa, Giosetta Fioroni, Lucio Fontana, Mimmo Germanà, Renato Guttuso, Jannis Kounellis, Fausto Melotti, Giorgio Morandi, Ennio Morlotti, Mimmo Paladino, Pino Pascali, Achille Perilli, Michelangelo Pistoletto, Mario Radice, Mauro Reggiani, Manlio Rho, Mimmo Rotella, Antonio Sanfilippo, Emilio Scanavino, Mario Schifano, Mario Tozzi, Emilio Vedova. ?

Contestualmente sarà visitabile, fino al 9 settembre, la mostra di Oliviero Toscani, Cinquant’anni di magnifici fallimenti, promossa da Theutra eComune di Otrantoe curata da Nicolas Ballario con il coordinamento di Lorenzo Madaro. L’esposizione mette in scena la potenza creativa e la carriera del fotografo, attraverso le sue immagini più noteche hanno fatto discutere il mondo su temi come il razzismo, la pena di morte, l’AIDSe la guerra. Tra i lavori in mostra il celebre Bacio tra prete e suora del 1991, i Tre Cuori White/Black/Yellow del 1996, No-Anorexia  del 2007 e tantissimi altri.

Il prograa dell'inaugurazione:

Saluti di Pierpaolo Cariddi, sindaco di Otranto
Interventi di Andrea Rollo, direttore Accademia di Belle Arti, Lecce; Luca Barsi e Lorenzo Madaro, curatori della mostra; Francesca Fiore, architetto.
Modera Brizia Minerva, storica dell’arte, museo Sigismondo Castromediano, Lecce

A seguire, concerto “Ritratti pianistici del '900”, a cura di Valeria Vetruccio, pianoforte
Introduzione storica a cura di Corrado De Bernart, vice-direttore Conservatorio Tito Schipa, Lecce.

Interventi di Maria Eugenia Congedo, docente Conservatorio; Eraldo Martucci, critico musicale, Nuovo Quotidiano di Puglia.

A seguire, visita gratuita alla mostra.

 

“Per questa estate l’Amministrazione Comunale ha deciso di raddoppiare l’impegno, rinnovando la mostra sull’opera fotografica del maestro Oliviero Toscani e allestendo una nuova mostra sulla pittura italiana del ‘900, che ci offre un percorso entusiasmante, con oltre 40 opere, da De Chirico a Fontana. L’arte è oggi, in un mondo che si meccanizza sempre più, un forte punto di riferimento per riaffermare la centralità dell’uomo, per esaltare il genio”, afferma Pierpaolo Cariddi, sindaco di Otranto. 

 

Info: Castello di Otranto, piazza Castello, 73028 - Otranto. Tel. 0836.21.00.94.

Tutti i giorni dalle 10 alle 24 (orario continuato).

Costi biglietti: 
Intero 10,00 euro  - Ridotto 8,00 euro per gruppi di almeno 12 visitatori, convenzioni e possessori della Otranto Card;Ridotto speciale 6,00 euro per minori di 18 anni, convenzioni e residenti nel Comune di Otranto; Gratuito per minori di 6 anni e minori di 18 anni in visita con i genitori.
La mostra dedicata a Oliviero Toscani è stata prorogata fino al 9 settembre
(ingresso gratuito con il biglietto della mostra sul 900 in Italia.

 

Altri articoli di "Arte e archeologia"
Arte e archeologi..
10/06/2018
Al Carrousel du Louvre tre tele della collezione di dipinti Ciclo Pop di ...
Arte e archeologi..
08/06/2018
Il vicesindaco Delli Noci annuncia il cronoprogramma che ...
Arte e archeologi..
31/05/2018
Domenica 3 giugno aprono le sale del museo archeologico di ...
Arte e archeologi..
24/05/2018
La premiazione lo scorso 13 maggio a San Vito dei Normanni: il vincitore è Giulio ...
Operarsi non costa nulla, basta la prescrizione della visita ortopedica: poi lo specialista, se lo ritiene opportuno, ...
clicca qui