Lequile, al “Pertini” successo per “Lib(e)ri per gioco”

venerdì 1 giugno 2018

La prima edizione della manifestazione che ha coinvolto gli alunni è stata un grande successo di partecipazione.

Nei giorni scorsi a Lequile, presso la scuola media “Sandro Pertini”, in occasione della campagna nazionale per la promozione della lettura “Il maggio dei libri” si è svolta la finale della prima edizione di “Lib(e)ri per gioco”.

La manifestazione, che ha coinvolto tutti gli alunni dell’istituto di via Leonardo da Vinci, nel mese clou di maggio ha così tagliato il suo traguardo dopo una lunga fase di presentazione di libri, recensioni e classifiche durata un intero anno scolastico.

Un vero e proprio campionato a squadre che, attraverso il progetto lettura promosso dal dipartimento di italiano, ha permesso di formare il “buon lettore”, capace di effettuare scelte autonome e soddisfare i propri bisogni.

La lettura, quindi, non solo come mezzo insostituibile per accedere ai vasti campi del sapere, ma anche come attività che sviluppa le capacità di riflessione, rielaborazione e invenzione.

Pertanto lo scorso 29 maggio al termine della prima edizione di “Lib(e)ri per gioco” l’atrio della scuola media “Sandro Pertini” di Lequile, che si affaccia sul murales di Renata Fonte inaugurato di recente, si è vestito a gran festa alla presenza dei genitori, dei rappresentanti di istituto della commissione giudicatrice e naturalmente degli studenti.

A tal proposito agli alunni vincitori sono stati consegnati, dall’assessore alla Cultura di Lequile Antonio Spedicato, dei buoni libri. Un premio inseguito per un anno ed ora a portata di spesa in vista dell’estate da riempire pagina dopo pagina.

 

Altri articoli di "Scuola"
Scuola
12/11/2019
Si è conclusa ieri con una partecipazione numerosa ...
Scuola
07/11/2019
Si tratta del “Don Tonino Bello” per il Liceo Classico, del “Banzi ...
Scuola
06/11/2019
Prevista la consegna di borse di studio, di attestati di ...
Scuola
05/11/2019
Nel giorno della festa dell’Unità ...
L’équipe del professor Carlo Foresta da diverso tempo sta studiando gli effetti di alcuni materiali con ...
clicca qui