Armellino, emozioni da Serie B: "Indimenticabile il mio nome urlato da 23mila persone"

martedì 22 maggio 2018

L'autore del gol-promozione con la Paganese ha parlato questa mattina in conferenza stampa.

Prosegue il lavoro settimanale del Lecce in vista del match di sabato con il Padova, valido per la terza ed ultima giornata di Supercoppa. I giallorossi andranno alla ricerca dell’impresa (servirà vincere 4-0 per accaparrarsi il trofeo), ma soprattutto saranno protagonisti di una giornata di festa, con tanto di consegna del trofeo per la vittoria del girone C di Serie C.

In mattinata si è presentato in sala stampa il match-winner con la Paganese Marco Armellino, che ha parlato sia del match con i biancoscudati sia delle emozioni vissute in concomitanza con la promozione ottenuta dalla sua squadra: “Il nostro è un gruppo forte, con valori importanti che può tranquillamente giocarsela in Serie B. Poi la società sa cosa fare, come muoversi. Io in B ci ho giocato, sebbene un po’ di tempo fa. Differenze con la C? Sono tante, tipo di gioco, tasso tecnico, e una rosa più ampia. Veniamo da un periodo in cui sono state vissute emozioni forti, bellissime, indescrivibili, mai vissute in prima persona. Per non parlare del fatto di aver sentito il mio nome urlato da ventitremila persone con la Paganese, un momento che ricorderò per tutta la vita. Ora c’è il Padova, avversario forte che affronteremo al massimo sperando nell’impresa, poi vedremo come andrà a finire. Certamente sarà una giornata di festa per tutti. Non è stato un campionato facile per noi, abbiamo attraversato momenti difficili riuscendo poi a conquistare l’obiettivo”.

Fonte: Salentosport.net 

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
19/06/2018
Amministrazione comunale a lavoro per adeguare l'impianto ...
Calcio
18/06/2018
Palermo rimane in B dove ritorna, dopo 15 anni, il Cosenza, vincitore dei playoff nella ...
Calcio
17/06/2018
L'ex fantasista giallorosso non nasconde la sua ...
Calcio
17/06/2018
Il tecnico: "Salutare la Serie C non è stato ...
Operarsi non costa nulla, basta la prescrizione della visita ortopedica: poi lo specialista, se lo ritiene opportuno, ...
clicca qui