"Niente gita per chi non indossa l'uniforme", braccio di ferro tra genitori e scuola finisce al Tar

martedì 22 maggio 2018
La vicenda riguarda l'Istituto Comprensivo "De Simone" di San Pietro Vernotico. Tar: "Ok all'uniforme ma le sanzioni sono illegittime".    

La scuola obbliga i piccoli alunni a indossare l'uniforme scolastica e i genitori si rivolgono al Tar. E' accaduto all'Istituto Comprensivo “R. De Simone” di San Pietro Vernotico. A far infuriare papà e mamme dei piccoli studenti è stata una delibera di un anno fa con cui il Consiglio di Istituto, modificando il regolamento scolastico, ha imposto l’obbligo di uniforme scolastica prevedendo, in caso di trasgressione, una serie di sanzioni tra cui l’esclusione dalla gite scolastiche. Alla pubblica udienza del luglio scorso davanti ai giudici del Tar di Lecce, la decisione era stata trattenuta in decisione e nei giorni scorsi è arrivata la sentenza definitiva con il quale i giudici hanno dato ragione ai genitori, annullando parte del provvedimento.

Obbligare gli studenti ad indossare la divisa è prerogativa della scuola, rileva il Tar che, tuttavia, sottolinea che, è illegittimo prevedere sanzioni a chi non lo rispetta.

“Il provvedimento dell’amministrazione scolastica risulta “sorretto dal pubblico interesse inteso a contrastare il fenomeno del bullismo tra scolari”, ossia dall’esigenza di limitare le differenziazioni in termini di abbigliamento. Elemento questo spesso foriero di scherni e talora di emarginazione. A ciò si aggiunga che, come evidenziato dalla difesa dell’amministrazione scolastica, l’uso di un abbigliamento uniforme è “dettato, tra l’altro, dalla esigenza di una agevole rintracciabilità di alunni in occasione di gite scolastiche, o di partecipazione ad eventi in ambienti esterni alla scuola, in contesti che rendono necessaria la pronta individuazione dei piccoli discenti, anche al fine della tutela della loro incolumità”. Quanto al possibile disagio per le famiglie meno abbienti, Il Tar sottolinea che lo stesso Consiglio d'Istituto ha stabilito che “sia la ditta che la scuola si faranno carico del costo delle felpe”.

Illegittime, invece, sono le punizioni per gli studenti che non indosseranno l'uniforme scolastica: “Per giurisprudenza pressoché costante, “la responsabilità disciplinare, al pari di quella penale, è personale e richiede un indispensabile coefficiente doloso e colposo”. Di qui l’impossibilità che determinate sanzioni, prima tra tutte l’esclusione dalle gite scolastiche, siano irrogate per effetto di un comportamento che non è direttamente ed esclusivamente da addebitare agli studenti stessi ma piuttosto ai loro genitori, i quali per primi gettano le basi della suddetta inosservanza nel momento in cui non provvedono – in prima persona oppure per il tramite dei propri figli, erogando loro le necessarie somme – all’acquisto della uniforme”.
mgm

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
14/08/2018
Sottoposto all'alcol test, il conducente di una delle due auto coinvolte è ...
Cronaca
14/08/2018
Disagi in tutta la provincia alla vigilia di Ferragosto. A ...
Cronaca
14/08/2018
Nell'ambito dei controlli, i poliziotti hanno arrestato ...
Cronaca
14/08/2018
L'incidente è avvenuto ieri sera sulla statale ...
L’amnesia dissociativa transitoria fa dimenticare i bimbi in auto: un altro morto in Spagna. La psicoterapeuta ...
clicca qui