"Non rispettati gli obblighi di abbattimento contro Xylella", la Ue deferisce l'Italia

giovedì 17 maggio 2018
La procedura avviata dall'Unione Europea per non aver applicato le norme contro la diffusione del patogeno.  

La Commissione europea ha deferito l'Italia alla Corte di giustizia Ue per non aver pienamente applicato le misure Ue, tra cui l'abbattimento delle piante malate, per impedire la diffusione nel territorio dell'Unione della Xylella fastidiosa.

Secondo l'esecutivo comunitario, le autorità italiane erano tenute a rispettare pienamente le norme europee in materia di organismi nocivi ai vegetali o ai prodotti vegetali e contro la loro diffusione.

L'attenzione dell'Ue sulla Xylella fastidiosa in Puglia è tornata a livello di allarme lo scorso marzo, quando quasi tremila ulivi furono trovati positivi al batterio in un'area dove nel 2015 erano pochi esemplari.
La prossima settimana, il 23 maggio, la Commissione potrebbe proporre al comitato sulla salute delle piante formato dagli esperti degli stati membri modifiche alla decisione Ue, come l'aggiornamento dell'area di quarantena, spostando di una ventina di chilometri verso nord la fascia di territorio dove vanno applicate le misure più drastiche per la lotta al patogeno.

 

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
20/05/2018
L’amministrazione comunale di Galatina ha deciso di ...
Ambiente
17/05/2018
Il consigliere regionale di Fratelli d’Italia attacca ...
Ambiente
16/05/2018
Ancora polemiche sulla vicenda del decreto “Emergenza ...
Ambiente
16/05/2018
Una sentenza del giudice di pace punisce ...
L’Associazione Fondo di Solidarietà Permanente “Cuore e mani aperte verso chi soffre” ONLUS e ...