Erasmus e Istituto Deledda: Gabellone incontra delegazione di studenti

martedì 15 maggio 2018

Domani l’incontro a Palazzo dei Celestini con docenti provenienti da Turchia, Macedonia, Ungheria e Bulgaria.

Domani, mercoledì 16 maggio, alle ore 10.30, nell’aula consiliare di Palazzo dei Celestini a Lecce, il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, insieme alla vice presidente Paola Mita, incontrerà una folta delegazione di dirigenti scolastici, docenti e studenti, provenienti da Turchia, Macedonia, Bulgaria e Ungheria.

Il gruppo è a Lecce grazie al progetto di mobilità tra Paesi denominato “Erasmus+ KA- Cooperation for innovation and exchange of good practices career planning in online business”, ospite dell’Istituto Tecnico Grazia Deledda di Lecce.

La delegazione italiana sarà formata dagli studenti del Deledda che fanno parte del progetto e che a loro volta saranno ospiti nei diversi Paesi, accompagnati dal dirigente scolastico Raffaele Capone e dalle docenti referenti del progetto Nadia D’Elia e Lucia Zanchi.

L’incontro in Provincia è stato promosso e organizzato per far sì che gli studenti possano acquisire una maggiore conoscenza del territorio e delle sue caratteristiche storiche, sociali, economiche, nonché dell’organizzazione dei vari uffici preposti alla gestione e delle istituzioni che lo governano.

Gli studenti rimarranno nel Salento fino al 20 maggio, proseguendo in incontri e attività che avranno come comune denominatore il tema del lavoro attraverso il web, così come della comunicazione e della promozione del territorio attraverso la rete.

 

 

Altri articoli di "Scuola"
Scuola
25/05/2018
Le bambine e i bambini del percorso formativo saranno ...
Scuola
25/05/2018
Nell'occasione saranno premiati i vincitori del concorso ...
Scuola
23/05/2018
La cerimonia premiazione dell’ottava edizione del ...
Scuola
21/05/2018
La startup degli studenti dell'Istituto Galilei-Costa ...
Pericolosissimo anche quello passivo: 4000 sostanze nocive nell’aria e nel corpo. Il fumo fa male anche ai ...
clicca qui