Innovazione e insegnamento: pronta la nuova scuola dell’infanzia di via Cubaju

giovedì 3 maggio 2018

La cerimonia di inaugurazione rappresenterà il momento in cui il sindaco Ernesto Toma e l'assessore all'urbanistica, Franca Giannotti, consegneranno simbolicamente le chiavi della nuova scuola alla dirigente dell'istituto, Anna Rita Cardigliano.

Sarà inaugurata domani, alle 17, la nuova scuola dell’infanzia di via Cubaju. Il nuovo plesso è stato appena ristrutturato e fa parte dell’istituto comprensivo di Maglie. La nuova sede si propone di interpretare in modo completo ed efficace la “vision" di scuola già attuata nelle migliori scuole europee ed internazionali che prevede la rimodulazione del Curriculo 0 – 6 in chiave internazionale, con 4 ore di lingua inglese, secondo le caratteristiche del programma “Baccalaureato Internazionale IB".

Con la ristrutturazione sono stati effettuati interventi edilizi di ampliamento, di adeguamento e del miglioramento della struttura scolastica. Le modifiche apportate, tutte nel segno della didattica, porteranno ad una riqualificazione energetica, all’abbattimento delle barriere architettoniche, al risanamento igienico - sanitario e all’adeguamento degli impianti tecnologici. Il nuovo edificio, realizzato con standard architettonici ed energetici di alto livello, oltre a comprendere la costruzione di un nuovo laboratorio per le attività multimediali (in adiacenza ai vani preesistenti destinati ad attività ordinarie e di refettorio) è stato dotato, tra le altre cose, anche di nuovi pavimenti e di nuovi infissi. 

Altri articoli di "Scuola"
Scuola
16/01/2019
Continuano le manifestazioni degli studenti per la mancata ...
Scuola
15/01/2019
Venerdì 18 gennaio una giornata sugli spazi di impresa e di sviluppo nel panorama ...
Scuola
14/01/2019
Sette settimane per un ciclo formativo a favore di circa ...
Scuola
11/01/2019
E in cantiere una nuova sfida: 30 ore per iniziare lo ...
In ogni fase della crescita di un bambino il gioco è fondamentale: il contatto con mamma e papà, le ...
clicca qui