Scritte No Tap sulla chiesa di Santa Lucia, la dura condanna di Seccia: "Gesto ipocrita"

mercoledì 25 aprile 2018
L'arcivescovo interviene sul recente episodio di vandalismo che ha interessato la chiesa di recente costruzione. 

“Violenza e vandalismo sono atti contro il bene comune e provocano ulteriore disagio sociale”: l'arcivescovo di Lecce Michele Seccia condanna duramente chi nelle scorse ore ha imbrattato i muri esterni della chiesa di Santa Lucia con scritte contro il gasdotto Tap.

“Opporsi e protestare contro chi vorrebbe deturpare per i propri interessi economici l’ambiente e la natura, patrimonio di tutti, e poi scagliarsi contro un edificio di culto che è un bene collettivo, un punto di riferimento per l’intero quartiere, un luogo di aggregazione che appartiene alla comunità, non solo è un controsenso e una vera e propria ipocrisia ma è il modo peggiore per far valere le pro­prie ragioni. Il vandalismo e la violenza non sono certo la più opportuna cornice a un dibattito sia pur vivace e particolarmente sentito dalla nostra popolazione”.

“Le vere lotte per la difesa di un diritto - prosegue Seccia - qual è il rispetto dell’ambiente e della salute, sono battaglie di civiltà per questo non possono e non devono sconfinare in episodi contro il bene comune: rappresentano una contraddizione e creano ulteriori divisioni e grande disagio sociale; come se non bastassero già i drammi esistenti. L’ho ripetuto in altre occasioni: abbassia­mo i toni e rifiutiamo con forza ogni forma di violenza. Scavalcare il limite della legalità pur nella consapevolezza di ribellarsi a scelte nocive per il benessere di tutti, rimane comunque un atto del quale dar conto non solo alla giustizia terrena ma anche a quella divina ”.

“Sulla vicenda del gasdotto - è il pensiero ricorrente dell’arcivescovo - ribadisco quanto già espres­so fin dal mio arrivo nel Salento: ci saranno davvero benefici per questa terra e per la sua gente? Qualcuno dovrà pure spiegarlo alle popolazioni coinvolte da questa scelta. Papa Francesco nella Laudato sì ricorda a tutti noi che il Creatore ha affidato la terra all’uomo per proteggerla e tute­larla, per ‘coltivare e custodire’ il giardino del mondo. Mentre «coltivare» - scrive il Papa - significa arare o lavorare un terreno, «custodire» vuol dire proteggere, curare, preservare, conservare, vigilare. Ciò implica una relazione di reciprocità responsabile tra essere umano e natura. Ogni comunità può prendere dalla bontà della terra ciò di cui ha bisogno per la propria sopravvivenza, ma ha anche il dovere di tutelarla e garantire la continuità della sua fertilità per le generazioni future”.

“Mentre auspico - conclude Seccia - un immediato ritorno al dialogo e al sereno confronto tra le parti coinvolte perché si cerchino soluzioni, le più opportune, per il rispetto delle popolazioni e delle future generazioni ma anche per la salvaguardia di un ambiente, il nostro, troppo spesso ‘turbato’ dalle esigenze dello sviluppo e del mercato, sono vicino e solidale con il parroco e con l’intera comunità di Santa Lucia in Lecce dopo i fatti della scorsa notte e spero tanto che l’episodio ai danni dell’edificio sacro possa essere l’ultimo di una serie tra quelli che stanno sfigurando la bellezza e il decoro della nostra città”.

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
17/08/2018
Sono stati dieci i natanti soccorsi in mare nella giornata ...
Cronaca
16/08/2018
Operazione dei carabinieri della Compagnia di Maglie a ...
Cronaca
16/08/2018
L'altro complice è piantonato in ospedale dopo ...
Cronaca
16/08/2018
Centinaia di bagnanti hanno preso dall'assalto la piscina ...
Si tratta della forma più grave di acne, che compare spesso tra 20 e 30 anni: ecco cosa c'è da sapere per ...
clicca qui