Il Salento su Rai1: a "Buono a Sapersi" un'azienda agricola di Supersano

mercoledì 25 aprile 2018

Domani alle 11.05 l'azienda "le Stanzìe" sarà ospite del programma condotto da Eelisa Isoardi.

Il Salento torna sulla tv nazionale. Questa volta protagonista sul piccolo schermo sarà la masseria "Le Stanzìe" di Supersano, ospite del programma "Buono a Sapersi". Giovedì 26 aprile alle 11.05 su Rai1 durante il programma condotto da Elisa Isoardi infatti, si parlerà di torte rustiche, gustose, nutrienti e, se fatte con farina integrale, adatte a chi soffre di pesantezza allo stomaco. 

Durante la puntata le telecamee saranno a Supersano, dove l’inviato Umberto Salamone sarà ospite dell’azienda agricola "l e Stanzì", dove si preparano torte rustiche. 
Nel corso della puntata Elisa Azzimondi, storica dell’alimentazione, illustrerà le principali varianti di torte rustiche, dando preziose indicazioni su come riconoscere le migliori. Stefania Papa, esperta di sicurezza nutrizionale, descriverà di esse le proprietà benefiche, consigliando i ripieni più salutari. 

Il dottor Giovanni Cammarota, gastroenterologo del Policlinico Gemelli di Roma, spiegherà come la farina integrale sia una valida alleata per chi soffre di pesantezza allo stomaco.  

Antonia Di Stasi, maestra di cucina, mostrerà come realizzare tre salse di accompagnamento per le torte rustiche. Le farà eco la collega Anna Maria Palma, che, invece, proporrà una “pizza rustica alla parmigiana”. Claudio Guerrini dai banchi del Mercato “Testaccio” di Roma.  

Altri articoli di "Tv/Radio"
Tv/Radio
09/08/2018
Promozione e cultura nel Centro storico di Matino sabato 11 ...
Tv/Radio
19/07/2018
Ieri, 18 luglio, in onda su Superquark la puntata dedicata ...
Tv/Radio
24/06/2018
Nel video individuato da Filippo Montinari curatore della pagina Lecce di ...
Tv/Radio
10/06/2018
Domani riparte il programma condotto da Maddalena Corvaglia: prime riprese al Salento ...
Si tratta della forma più grave di acne, che compare spesso tra 20 e 30 anni: ecco cosa c'è da sapere per ...
clicca qui