Nuovo prelievo d’organi al “Vito Fazzi”: donati fegato e reni di una 70enne

martedì 24 aprile 2018

Prelievo d’organi nella notte nell’ospedale di Lecce da una donna deceduta grazie al consenso dei familiari.

Il fegato e i reni di una 70enne, deceduta stanotte nella Rianimazione del “Vito Fazzi”, continueranno a vivere in altre persone. Il prelievo multiorgano è stato possibile grazie ai familiari della donna, che hanno prestato il consenso alla donazione e, quindi, all’avvio della complessa procedura. La donna è morta per le conseguenze di una gravissima emorragia cerebrale e subito dopo è partita la macchina per trasformare il dolore di una famiglia in una nuova speranza.

Al completamento dell’accertamento di morte cerebrale, è seguito il grande lavoro che mette in rete diverse professionalità e attività: la verifica della possibilità di prelievo, l’individuazione della compatibilità degli organi e l’intervento delle équipe chirurgiche dell’Ospedale “Fazzi” e dei colleghi arrivati da Bari per portare a termine il prelievo. Il fegato della povera donna è stato destinato al Centro Trapianti della Sicilia, mentre i reni sono andati a Bari.

Ai familiari va il sentito ringraziamento della ASL di Lecce per la generosità del loro gesto, che rende ancora possibile la vita e lancia un fortissimo messaggio, capace di dare forma concreta al senso civico e all’altruismo: la donazione d’organi e le persone in attesa di trapianto ne hanno un enorme bisogno.

Altri articoli di "Sanità"
Sanità
12/09/2019
Al tavolo SEPAC Regione, ASL e sindacati. Accordo trovato per il passaggio di categoria, ...
Sanità
11/09/2019
Il progetto è nato sette anni fa ...
Sanità
03/09/2019
Per la Fp Cgil, la scelta di ridurre i posti letto a ...
Sanità
27/08/2019
Ai lavoratori sono revocati congedi straordinari, corsi, ...
Il Ministero della Sanità, nel 2001, ha istituito un’importante fonte di informazione sanitaria, ...
clicca qui