Multe ingiuste o illegittime, sì all’autotutela per evitare ai cittadini ricorsi amministrativi

lunedì 16 aprile 2018

Iniziativa del consigliere leccese Antonio Rotundo: un’interpellanza urgente per chiedere che venga applicato l’istituto dell’autotutela e non costringere i cittadini a rivolgersi al giudice di pace o al Prefetto.

Multe ingiuste o illegittime, presentata un’interpellanza urgente per chiedere l’applicazione dell’istituto dell’autotutela per le infrazioni al Codice della strada e non costringere i cittadini a rivolgersi al giudice di pace o al prefetto: l’iniziativa è del consigliere comunale del Pd, Antonio Rotundo.

“Se una multa è ingiusta o illegittima ed il diritto del cittadino chiaro ed incontestabile – si chiede il consigliere - perché costringerlo a rivolgersi alla giustizia con spreco di denaro pubblico e con oneri per il cittadino? Sinora ciò è accaduto, con una amministrazione sensibile ai problemi concreti dei cittadini e che ha messo al primo posto legalità e trasparenza come ha fatto il sindaco Salvemini ciò non avverrà più, questo è il nostro obiettivo, avere una amministrazione amica del cittadino”.

Accoglie con favore l’iniziativa del capogruppo Pd il presidente dello Sportello dei Diritti, Giovanni D'Agata, alla luce anche della sentenza ottenuta dall'avvocato Piergiorgio Provenzano, che per la prima volta ha sollecitato l’amministrazione comunale ad adottare ogni iniziativa utile che indirizzi gli uffici comunali nell’attuazione più estesa possibile, nei limiti di legge, dell’istituto dell’autotutela in questa delicata materia che vede spesso contrapposti, anche con toni accesi, cittadino e amministrazione, in particolare il Corpo di Polizia Municipale.

“Confidiamo, quindi, che a far data dal prossimo consiglio del 18 aprile – precisa D’Agata -, data in cui si discuterà l’interpellanza in questione, il sindaco e gli organi interessati a partire dal Comando di Polizia Municipale, vogliano una volta per tutte dare attuazione all’istituto dell’autotutela che in virtù della giurisprudenza vigente e di numerose circolari ministeriali è ritenuto applicabile anche alle sanzioni amministrative e specialmente a quelle visibilmente erronee, ingiuste ed illegittime”.

 

 

Altri articoli di "Cronaca"
Cronaca
16/10/2018
L'operazione "I soliti sospetti" si è ...
Cronaca
16/10/2018
È stato arrestato nell’ambito ...
Cronaca
16/10/2018
Il provvedimento della Asl di Lecce nei confronti del dirigente dell'Unità ...
Cronaca
16/10/2018
L’uomo è stato fermato dai carabinieri dopo ...
L’influenza ogni anno costa alle casse dello Stato 10 miliardi di euro. Intervista al responsabile Igiene e ...
clicca qui