Pesca di frodo nel Bacino Idume, trovata una lunga rete da pesca

domenica 15 aprile 2018

Sul posto è intervenuto il Nogra, (Nucleo Operativo Guardia Rurale Ausiliaria) che ha distrutto la rete.

Continuano gli illeciti nel Parco di Rauccio, precisamente nel Bacino dell’Idume, area protetta nel cuore di Torre Chianca. Una lunga rete da pesca era stata collocata con maestria, a mo’ di barriera, davanti al ponticello che sovrasta il bacino, per catturare i pesci di passaggio. Ma i pescatori di frodo, nel pomeriggio dello scorso 13 aprile, non avevano messo in conto la sensibilità e il desiderio di legalità dei residenti, sempre attenti a tutto ciò che accade nella marina.

Appena notata la presenza della rete, si è scatenato un tam tam sul social whatsapp con foto e commenti che hanno raggiunto l’operatore ambientale del Nogra Lecce (Nucleo Operativo Guardia Rurale Ausiliaria), Giuseppe Albanese, anch’egli residente a Torre Chianca, che ha subito allertato i suoi colleghi: il Comandante Luca Greco e le Guardie Zoofile Ambientali Massimo Marra e Donato Cosma, che dopo essersi recati sul posto hanno rimosso e distrutto la rete.

 

Altri articoli di "Ambiente"
Ambiente
16/10/2018
L’iniziativa dell’Arci-Biblioteca di Sarajevo: ...
Ambiente
16/10/2018
Nella serata di ieri sono stati individuati oltre dieci ...
Ambiente
15/10/2018
Il premier Giuseppe Conte ha convocato parlamentari e consiglieri regionali del M5S a ...
Ambiente
15/10/2018
Un’interrogazione del Movimento 5 Stelle ...
L’influenza ogni anno costa alle casse dello Stato 10 miliardi di euro. Intervista al responsabile Igiene e ...
clicca qui