Probabili formazioni, solo conferme per Liverani con il Fondi. Pacilli parte dalla panchina

domenica 15 aprile 2018

Il tecnico pensa di riproporre l'undici che ha espugnato Reggio Calabria una settimana fa.

Dopo settimane lunghe e tribolate, costellate da polemiche e acciacchi fisici, il Lecce potrebbe fronteggiare il Racing Fondi (calcio d’inizio alle 14.30 al Via del Mare) con la stessa formazione che vinto domenica scorsa con la Reggina. Uno scampolo di continuità per i ragazzi di Liverani, che da tempo hanno a che fare con un susseguirsi di capovolgimenti di formazioni per vari motivi e che potrebbero dunque avere dalla propria un’arma in più contro la compagine di Luiso. Tra i giallorossi assenti Vicino e Riccardi, con Di Matteo non al top. Ecco che sulla sinistra dovrebbe dunque essere riproposto Ciancio, con nessun dubbio sulla mediana e sulla trequarti, dove Costa Ferreira sarà il titolare e il neo reintegrato Pacilli partirà dalla panchina. In attacco Saraniti e Di Piazza quasi certi del posto, nonostante la buona condizione di Dubickas e Caturano. Per quanto riguarda gli ospiti, Luiso non ha a disposizione gli squalificati Nolè e Lazzari. I dubbi riversano attorno al modulo, che dovrebbe essere il 4-2-3-1 sebbene non sia de escludere il ricorso al 4-3-3. In entrambi i casi, nel ruolo di punta centrale largo all’ex Daniele Corvia.

*** PROBABILI FORMAZIONI: Lecce (4-3-1-2): Perucchini, Lepore, Cosenza, Marino, Ciancio, Armellino, Arrigoni, Mancosu, Costa Ferreira, Saraniti, Di Piazza Racing Fondi(4-2-3-1): Elezaj, Galasso, Vastola, Ghinassi, Paparusso, De Martino, Quaini, Addessi, Corticchia, Ricciardi, Corvia

Altri articoli di "Calcio"
Calcio
20/04/2018
Liverani ha fatto giocare soprattutto le seconde linee, ...
Calcio
19/04/2018
L’obiettivo principale della formazione calcistica ...
Calcio
17/04/2018
La partita si svolgerà la prossima estate al Via Del Mare.   L'Inter ...
Calcio
16/04/2018
Con una giornata di anticipo la FC Otranto, vincendo a ...
Anche il cuore dei grandi calciatori di “serie A” va nel pallone. Eppure, siamo sempre stati abituati a ...